Il vincitore degli oscar 2017 è stato "Moonlight" del regista Berry Jenkins a discapito del favorito musical "La La Land" di Damien Chazelle. Il preventivo annuncio sbagliato che dava come vincitore il musical ha creato però un po' di scompiglio durante la notte degli Oscar. I due annunciatori Warren Beatty e Faye Danaway (icone di Hollywood), hanno però immediatamente corretto l'errore, sostenendo che era stata consegnata la busta sbagliata.

Il musical "La La Land" si è aggiudicato però ben 6 statuette, tra cui la miglior regia, e migliore attrice Emma Stone.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cinema

Gli altri riguardano la miglior colonna sonora, la migliore fotografia e la migliore scenografia.

Gli altri premi

Le altre statuette sono state assegnate a Casey Affleck per il miglior attore protagonista in "Manchester by the Sea", a Viola Devis come migliore attrice non protagonista in "Barriere" e a Mahershala Ali come migliore attore non protagonista in "Moonlight".

Il miglior film straniero è stato reputato "Il cliente" di Ashgar Farhadi, e il miglior film d'animazione "Zootropolis" di Byron Howard e Rich Moore. Invece la migliore sceneggiatura originale va al film "Manchester by the Sea" di Kenneth Lonergan.

Altri vincitori degli Oscar 2017

Il premio per il miglior montaggio spetta a John Gilbert per "Hacksaw Ridge", quello per i migliori effetti speciali va al "Libro della giungla", mentre il miglior cortometraggio viene assegnato a "Piper" di Alan Barillaro e Marc Sondheimer. Il miglior sonoro va al film "Hacksaw Ridge", il miglior cortometraggio a "Sing", il miglior documentario a "O. J. Mad in America" di Ezra Edelman. Il premio per i migliori costumi viene assegnato a Collen Atwood per "Animali fantastici e dove trovarli", mentre il miglior montaggio è quello di "Arrival" di Sylvan Beillemare.

I migliori video del giorno

La statuetta per il miglior trucco spetta ad Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini, e Christopher Nelosn per "Suicide Squad", mentre il miglior cortometraggio documentario va a "The White Helmets" d Orlando von Einsiedel.