Due anni fa, il 14 maggio 2015, usciva al Cinema Mad Max: Fury Road il capolavoro cinematografico di George Miller. La grandiosità di questa pellicola ha assicurato, al suo regista ed alla sua squadra di attori, un gran incetta di Oscar proprio un anno fa. Quella lontana sera del 2016, il film Mad Max ha portato a casa precisamente sei statuette:

  • Miglior scenografia
  • Migliori costumi
  • Miglior trucco ed acconciature
  • Miglior montaggio sonoro
  • Miglior sonoro
  • Miglior montaggio

La grande intesa della troupe ha permesso di portare a casa lo stesso numero di statuette del Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re, Star Wars e Ben Hur. L'unico film che è riuscito a superare Mad Max: Fury Road è stato Titanic con sette statuette.

Pubblicità
Pubblicità

La trama di Mad Max

Per chi a suo tempo non ebbe la possibilità di vedere il film al cinema non ha che da aspettare venerdì, quando arriverà finalmente su Italia 1 alle 21.10.

La pellicola racconta una storia apocalittica ambientata ai confini più remoti della Terra. L'umanità non esiste quasi più ed il paesaggio è desolato e desertico. I pochi sopravvissuti lottano con il sangue e con i denti per restare in vita. In questo mondo ormai destinato a morire ci sono solo due persone in grado di riportare l'ordine.

Primo fra tutti c'è il protagonista, il ribelle Max (interpretato da Tom Hardy, Star Trek: La Nemesi) che alla scoppio della guerra ha visto morire la moglie ed il figlio, poi c'è Furiosa (Charlize Theron) il cui unico obiettivo è tornare nei posti dove è cresciuta e per farlo dovrà intraprendere un non facile viaggio nel deserto.

Max vorrebbe fare tutto da solo ma suo malgrado si ritrova coinvolto nella squadra dell'Imperatrice Furiosa. A bordo di un blindato da combattimento, dovranno fuggire dalla tirannia di Immortan Joe, a cui è stato sottratto qualcosa. Tutti gli uomini di Joe saranno alla ricerca dei ribelli Max e Furiosa e daranno inizio ad una spietata lotta.

Pubblicità

Mad Max: The Wasteland, arriva il sequel

Tom Hardy ha dichiarato di essere pronto per il sequel della grande pellicola. Il successo è stato tale che un secondo film era d'obbligo. Forse, però, dietro la macchina da presa potrebbe esserci un regista più giovane di George Miller (ormai settantenne). Non ci sono certezze sul ritorno di Charlize Theron ma nulla è ancora definitivamente detto.

In attesa di rivedere il primo film venerdì su Italia 1 godiamoci il trailer.

Clicca per leggere la news e guarda il video