Intervenuti ai microfoni del noto programma radiofonico condotto su Beats 1 da Matt Wilkinson, i muse hanno illustrato le tematiche e il sound che avvolgerà i brani del nuovo disco che uscirà, verosimilmente, nella seconda metà del 2018. La band di Matthew Bellamy ha pubblicato, finora, sette album (Showbiz, Origin of Simmetry, Absolution, Black Holes & Revelations, The Resistance, the 2nd law e Drones), vendendo milioni di dischi in tutto il mondo e riscuotendo un successo internazionale che li ha consacrati come una delle band più versatili del panorama rock moderno [VIDEO]. Una delle qualità maggiormente apprezzate da molti fan del gruppo è il saper cambiare in maniera efficace il loro sound, mantenendo una certa originalità e impronta personale che negli ultimi anni solo poche band sono riuscite ad avere.

I Muse hanno rilasciato dichiarazioni importanti sui due singoli usciti, "Dig Down" e "Thought Contagion", passando poi ad analizzare i suoni che caratterizzeranno il loro prossimo lavoro musicale. Scopriamo insieme le novità che ci riserveranno per il futuro Bellamy e soci.

Sarà un disco molto sperimentale e diverso dall'ultimo

Il frontman inglese ha commentato così le sostanziali differenze che intercorrono tra i due brani pubblicati recentemente: "Dig Down è una canzone molto più ottimista rispetto a Thought Contagion, un pezzo che differentemente dal primo citato incute molta ansia e terrore. Sono del parere che tutte le paure di cui parlo in questo brano siano frutto dei programmi televisivi che guardiamo, perciò non sono sicuro che siano reali. L'interrogativo che mi pongo è se tutto questo clima di ansia riguarda davvero me oppure è solo fantasia".

Per quanto riguarda le differenze musicali [VIDEO] con il precedente disco, "Drones", Bellamy è intervenuto dicendo: "Il nuovo album sarà più sperimentale rispetto all'ultimo; difatti, al suo interno conterrà alcune tracce in cui abbiamo provato a mischiare i suoni dei vari periodi che hanno influenzato la nostra carriera. Tra le canzoni scritte, che usciranno nel corso di questo 2018, quella che maggiormente mi ha colpito è senza dubbio 'Algorithm'. E' un pezzo caratterizzato dalla presenza di un pianoforte con una melodia molto romantica, accompagnata dal suono dei sintetizzatori che rievocano gli anni ottanta. Sarà senza dubbio uno dei brani maggiormente apprezzati dai nostri fan".