3

Per i nostalgici dei 90's [VIDEO] l'annuncio che porta le grandi star sul palco di Pistoia è senza dubbio di impatto. I nomi di La Mark Lanegan e Billy F. Gibbons sono forieri del know how musicale che passa dal rock al blues senza dovere fare acrobazie stilistiche in quanto la contaminazione di generi era già presente anche nelle loro rispettive identità artistiche degli esordi. Screaming Trees, Mad Season e Queens of the Stone Age sono i progetti che hanno visto protagonista Mark Lanegan, mentre il signor Gibbons è voce e chitarra dei pittoreschi ed amatissimi ZZ Top.

Le due band si alternano sul palco

L'ensemble si chiama Supersonic Blues Machine feat. Billy F. Gibbons e si passeranno il testimone musicale con i Marc Lanegan Band al Pistoia Blues il 15 luglio prossimo.

Mr. Lanagan è uno dei simboli del sound di Seattle con la band degli Screaming Trees con i quali arrivò al successo con alcune canzoni che formano il tessuto underground del movimento grunge, la loro hit fu Nearly Lost You, canzone inclusa anche nella soundtrack del film manifesto di quel periodo, "Singles, l'amore è un gioco". Lanegan promuove l'ormai decennale percorso solista con la produzione discografica "Gargoyle" per poi lasciare il palco ai Supersonic Blues Machine con ospite d'eccezione, Billy Gibbons, anima barbuta, variopinta, ma soprattutto talentuosa dei ZZ Top, alla sua prima volta nella kermesse toscana [VIDEO].

Un programma già ricchissimo...

Il programma attuale della manifestazione pistoiese è già di altissimo profilo con il main stage che vedrà una successione di di grandi artisti che sfumano tra il rock, il blues ed il folk.

Il via, il 4 luglio prossimo, a teatro Manzoni con un nome che richiama la storia del rock. uno dei componenti del supergruppo C, S, N & Young: Graham Nash! Si tratta di uno degli eroi degli anni '70 con la sua presenza negli Hollies e poi nei Jefferson Starship, evoluzione del mito dei Hippy dei Jefferson Airplane. L'artista inglese ha l'onore di aprire la rassegna che poi vedrà in sequenza in Piazza del Duomo le esibizioni di Alanis Morissette il 10 Luglio, James Blunt tre giorni dopo e poi si continua con nomi di assoluto livello come il "former" Genesis, Steve Hackett, chitarrista della storica band prog inglese ed oggi solista apprezzatissimo per i suoi virtuosismi con la sei corde che sarà di scena il 14 luglio. La chiusura, dunque, è affidata all'alternanza Lanegan - Gibbons ed al loro connubio di talento e carisma.