Se l’Anime di Dragon Ball Super è temporaneamente terminato con la vittoria di C17, che ha ripristinato tutti gli universi cancellati da Zeno, il manga invece è arrivato al capitolo 38 e continuerà per molto tempo ancora. Uno dei personaggi introdotti nell’anime [VIDEO] e nel manga è Kefla, una potente guerriera Sayan nata dall’unione, attraverso i Potara, delle due combattenti Kale e Caulifla. Il fumetto, però, come spesso accade, cambierà le origini del personaggio rispetto all’anime, creando dunque una storia diversa per le due combattenti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Anime

Ecco come nasce Kefla nell’anime di Dragon Ball Super

Durante il combattimento con Goku, Kale e Caulifla, messe in difficoltà dalla potenza dell’avversario, decidono di fondersi usando i Potara.

Le due guerriere sono entrate in possesso degli orecchini grazie a Lord Champa che, in caso di difficoltà nel torneo, ha voluto donare alle ragazze un’arma in più per tentare il tutto per tutto. L’utilizzo di oggetti e di fusioni, tuttavia, potrebbe violare le regole del torneo con la conseguente eliminazione delle due guerriere. Lord Zeno però rimarrà affascinato dalla potenza di Kefla e opterà per un’eccezione alla regola. Dopo uno scontro arduo, Goku riuscirà a sconfiggere la combattente aggiudicandosi l’incontro.

Differenze tra manga e anime nella genesi della guerriera

Nel fumetto, Caulifla è una predona, abituata a rubare e sottomettere gli altri per sopravvivere. La ragazza otterrà i Potara rubandoli al Kaioshin dell’Universo 6 Fuwa, creando timore in lui e Champa che la guerriera potesse usarli con Kale durante il torneo del potere, facendo eliminare entrambe per comportamento scorretto.

Nel manga, come nell’anime, tuttavia, il Gran Sacerdote, vedendo Zeno incuriosito e affascinato dalla fusione, deciderà di fare uno strappo alla regola permettendo a Kefla di combattere. Un’altra sostanziale differenza è che nel fumetto il primo avversario della guerriera sembra essere Son Gohan e non Goku. Insomma, una storia decisamente diversa.

Come si evolverà il Torneo del potere nel manga?

Quella sulla genesi di Kefla non è la prima differenza riscontrata dai fan tra fumetto e anime [VIDEO]e si pensa non sarà neppure l’ultima. Gli incontri del torneo hanno infatti avuto dinamiche spesso diverse nel manga; come nel caso di Jiren, coinvolto maggiormente negli scontri e il maestro Muten, mostrato meno forte rispetto all’anime. Insomma, sembra quindi che anche i livelli di forza dei personaggi siano diversi. Non resta dunque che attendere il prosieguo del torneo per vedere come andrà a finire, sperando che il manga di Dragon Ball Super riservi altre belle sorprese.