The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd è stato votato come album rock migliore di tutti i tempi: questo il verdetto dello speciale sondaggio lanciato ai suoi lettori dal magazine britannico Louder. Il voto si è concluso poche settimane fa sul sito ufficiale della rivista: i lettori hanno scelto fra 500 album e, a differenza della maggior parte dei sondaggi, che offrono agli elettori una lista limitata di titoli da scegliere, il sondaggio ha permesso alle persone di scegliere qualsiasi album. Aspetto, quest'ultimo, che ha creato comunque grandi esclusi dalla top 10.

Mentre nomi importanti sono fuori dalla top 50, come Judas Priest, Pantera, Genesis, King Crimson, Genesis, Boston e Slipknot, altri artisti sono inclusi tra i primi cinquanta anche con più di un album, come nel caso dei Led Zeppelin, che ne hanno addirittura due tra i primi dieci, Beatles, Black Sabbath e Pink Floyd. Questa, che piaccia o meno, è la top ten secondo i lettori di Louder:

  • 1 Pink Floyd - The Dark Side Of The Moon
  • 2 Guns N' Roses - Appetite For Destruction
  • 3 AC/DC - Back In Black
  • 4 Metallica - Master Of Puppets
  • 5 Led Zeppelin IV
  • 6 Queen - A Night At The Opera
  • 7 The Beatles - Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band
  • 8 AC/DC - Powerage
  • 9 Iron Maiden - The Number Of The Beast
  • 10 Led Zeppelin - Physical Graffiti

Il disco rock migliore di sempre

A trionfare così è stato uno degli album simbolo dei Pink Floyd e della musica del Novecento, famoso, oltre che per i brani Money o Time, anche per la sua inconfondibile copertina realizzata da Storm Thorgerson.

L'album ha venduto qualcosa come 45 milioni di copie in tutto il mondo e i dati di vendita continuano ad aumentare di anno in anno, visto che questo album non sembra conoscere tramonto, nonostante i Pink Floyd non siano più in attività, nonostante i componenti ancora in vita della band siano ognuno per la sua strada artistica, tra tour solisti e altre attività.

Stranezze

Ci sono non poche stranezze, ma si sa, è una classifica dei lettori e sappiamo che spesso queste non sono pienamente meritocratiche e non sempre rappresentano oggettivamente quanto un disco sia importante. Per questo potremmo stupirci vedendo Powerage degli AC/DC alla posizione numero 8: anzi possiamo anche definirlo inspiegabile.

Così come anche per Physical Graffiti dei Led Zeppelin alla decima posizione: è qualcosa di davvero curioso che ci fa capire come tra i votanti ci siano stati moltissimi e accaniti fan dei Led Zeppelin e degli AC/DC.

La classifica di Rolling Stone

Un'altra famosa rivista come Rolling Stone non ha lanciato un sondaggio, ma ha redatto una celebre una classifica, stilata da critici musicali, che vuole ordinare o quanto meno catalogare e giudicare gli album più rappresentativi nella storia della musica. Il magazine statunitense ne ha scelti 500: anche qui è una classifica sofferta, in cui non mancano ingiustizie e cose non sempre comprensibili. Classifiche a parte, ci rendiamo conto di quanto non sia facile farne una, ma in questo caso la possiamo prendere alla leggera, come qualcosa che alla fine non fa che farci capire quanto siano sofisticati o banali i gusti degli ascoltatori.