Quando, nel 1991, Freddie Mercury fece la sua ultima apparizione nel videoclip di These Are The Days Of Our Lives, l'AIDS l'aveva lasciato scarno e fragile. Intervistato dal New York Post, il regista austriaco Rudi Dolezal, che dell'ultimo video curò la regia, ricorda Freddie Mercury.

Il comportamento di Freddie

'Il manager della band, Jim Beach, ha detto che dovevo ridurre il numero di riprese. Ma Freddie non voleva un trattamento speciale. Se guardi These Are The Days Of Our Lives, [Freddie] recita in piedi anche se era molto addolorato, perché non voleva che nessuno lo sorreggesse o essere di disturbo.

Per me, il modo in cui ha gestito la sua malattia in situazioni lavorative del genere, lo ha reso una superstar ancora più grande'.

La lotta di Mercury contro l'AIDS non è stata affatto affrontata nel film Bohemian Rhapsody, che ha trionfato al Golden Globe, ripercorrendo solo l'ascesa di Mercury e dei suoi compagni di gruppo, Roger Taylor, John Deacon e Brian May.

In attesa dell'annuncio delle nomination per l'Oscar, che vedrà comunque il film in lizza, Dolezal sostiene che il film, che si conclude con la rievocazione dell'epico concerto del Live Aid del 1985 al Wembley Stadium di Londra, termini proprio sul più bello.

E poi continua, parlando del suo lavoro con i Queen: 'Volevano capitalizzare lo show, quindi mi hanno chiesto di fare il video per il loro singolo One Vision del 1985: 'Era la prima volta che mi assoldavano. Ho finito per fare circa 30 video per la band e per i loro progetti da solista'.

Dolezal ha incontrato la band per la prima volta quando era un giovane reporter televisivo nella sua città d'origine Vienna, durante la metà degli anni 70. Si è avvicinato ancora di più alla band e a Mercury quando il cantante ha vissuto a Monaco nei primi anni 80.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Concerti E Music Festival

'Freddie è stato molto felice a Monaco perché nessuno lo ha infastidito', dice Dolezal, che nel 2000 ha realizzato il documentario della BBC dal titolo Freddie Mercury: The Untold Story.

Mercury a Londra

Alla fine, Mercury tornò a Londra con il parrucchiere Jim Hutton. In pubblico, Mercury era sfavillante. In privato, però, Dolezal ricorda qualcosa di molto diverso.

'Era la più grande casalinga che si possa immaginare', dice. 'Freddie mi invitava spesso alle sue feste private e, ad una cena, tra gli ospiti c'erano Rod Stewart ed Elton John'.

'Ricordo che c'era molto da fare per gli altri artisti e per se stessi. Penso che Rod abbia avuto l'idea di formare un gruppo chiamato Nose, Teeth & Hair, perché Rod aveva un grande naso, Elton aveva problemi con i suoi capelli e Freddie li aveva con i suoi denti'.

L'AIDS, gli ultimi giorni di Mercury e i progetti di Dolezal

I festeggiamenti e la vita spassosa di Mercury divennero meno frequenti una volta che al cantante venne diagnosticata l'AIDS nel 1987. Nonostante la malattia, Freddie ha continuato a lavorare e i Queen hanno pubblicato il video di The Miracle del 1989 e Innuendo del 1991.

È stato durante la realizzazione di quest'ultimo a Montreux, in Svizzera, ricorda Dolezal, che Freddie interruppe il suo trattamento per curare l'AIDS. 'Gli effetti collaterali erano orribili', ricorda Dolezal. 'Le pillole erano così grandi da non poterle inghiottire, e tu vomitavi tutto il tempo'.

Nelle sue ultime settimane di vita, Mercury era sempre nella camera da letto della sua casa di Londra ed è stato apparentemente il lavoro di Dolezal a tenerlo di buon umore: 'Mi è stato detto da uno dei suoi assistenti che Freddie ha guardato i miei videoclip per I'm Going Slightly Mad e These Are the Days of Our Lives per tutto il tempo ricorda il regista, in lacrime.

Anche quando è malato Mercury era entusiasta'.

Mercury rilasciò una dichiarazione in cui confermava di aver contratto l'AIDS e morì solamente il giorno dopo, il 24 novembre 1991, all'età di 45 anni.

Dolezal attualmente sta lavorando al libro intitolato My Friend, Freddie sulle sue esperienze con l'artista e conta di pubblicare delle versioni inedite delle sue interviste in un nuovo film dal titolo Freddie Mercury: In His Own Words.

E ha parlato anche di un ideale seguito di Bohemian Rhapsody, incentrato sugli ultimi anni della vita di Mercury: 'Penso che sarebbe un'idea brillante.

Ha avuto così tante avventure, probabilmente potrebbero uscirne quattro film!'.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto