Negli ultimi giorni sta facendo molto discutere il nuovo video di Metal Carter, che ha evidentemente varcato i confini del Rap, arrivando ad occupare anche le pagine di giornali e magazine non prettamente musicali.

Si tratta del videoclip ufficiale di 'Pagliaccio di Ghiaccio parte tre', seguito del suo brano più celebre 'Pagliaccio di Ghiaccio', pezzo dell'ormai lontano 2005, che per certi versi ha segnato una generazione di ascoltatori, con ogni probabilità il più grande successo dell'artista romano, almeno in termini di numeri.

Pubblicità
Pubblicità

Nel video di 'Pagliaccio di Ghiaccio parte tre' sono presenti molti dei più noti esponenti della scena musicale italiana, o meglio, le loro versioni a fumetto. La clip, in perfetto stile Metal Carter, è a dir poco macabra e violenta, così come il testo del pezzo, ma, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non si tratta di un dissing.

Pagliaccio di Ghiaccio parte 3

Metal Carter veste i panni di Charles Manson, compiendo azioni macabre come mangiare il cervello di Claudio Baglioni, citato anche nel pezzo, tagliare la lingua a Nek, sciogliere il corpo di Fedez nell'acido, di fronte ad un'inerme e disperata Chiara Ferragni, che gli tende la mano, non riuscendo a raggiungere il suo compagno, in quanto intrappolata in una classica gabbia per uccelli.

Trattamento quest'ultimo riservato anche a Sfera Ebbasta. Impossibile poi non notare un'Elettra Lamborghini letteralmente segata in due ed un J Ax decapitato, o meglio, il capo di J Ax cucito sul corpo di un'altra persona.

Il significato del video

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare tutta questa violenza non sarebbe da intendere come un attacco, una critica o un dissing alle persone citate, e tanto meno una minaccia, ovviamente. Al contrario l'intento di Metal Carter sembra essere molto più vicino al tributo, una sorta di omaggio, per quanto macabro possa sembrare a chi non conosce la poetica, lo stile e l'immaginario dell'artista romano

Per spiegarlo Metal Carter ha dovuto però fare un post su Instagram, dato che più persone stavano fraintendendo.

Pubblicità

Queste le parole dello storico membro del Truce Klan:

"Ho individuato i rappresentanti di maggior successo nel loro settore musicale [...] Le doti canore di Nek, la libertà di espressione di Sfera Ebbasta (sotto accusa dai media, ed ingiustamente accusato di cose per cui non ha responsabilità) la malattia di Young Signorino [...] E io che faccio? Esalto le loro doti, rovesciandole però, perché sono Metal Carter, il Death King".

Leggi tutto