"Per favore, non paragoniamo questi scappati di casa a Vasco Rossi", oppure "Menomale che io sono cresciuto ascoltando Vasco, anziché queste schifezze della trap". Sono questi alcuni dei classici commenti che si possono trovare tutti i giorni sotto qualche post Facebook o Instagram, dove ascoltatori di nuova e vecchia generazione discutono animatamente sulla validità musicale dei loro artisti di riferimento.

Nell'ambito di queste discussioni, il nome di Vasco Rossi è a dir poco inflazionato: spesso i giovani lo utilizzano come esempio di artista provocatorio e senza peli sulla lingua, soprattutto quando la trap viene tacciata di pericolosità sociale: "Quando Vasco diceva questo andava bene, perché se le stesse cose le dicono i trapper è un problema?".

Pubblicità
Pubblicità

Invece gli ascoltatori con qualche anno in più - ma anche i giovani avulsi alla trap - lo utilizzano altrettanto spesso come esempio di artista "vero" da contrapporre alla presunta assenza di contenuti del suddetto genere musicale.

A quanto pare, però, secondo Vasco Rossi, Sfera Ebbasta e soci non andrebbero affatto demonizzati, anzi, il personaggio più iconico del rock italiano li considera interessanti.

Vasco Rossi sulla trap: 'Invece di condannare dovremmo cercare di capire'

Il rocker di Zocca lo ha dichiarato a chiare lettere nella seconda ed ultima parte di un'intervista concessa al magazine Robinson, inserto di "Repubblica" pubblicato con cadenza settimanale tutte le domeniche.

Vasco Rossi, Achille Lauro e Sfera Ebbasta.
Vasco Rossi, Achille Lauro e Sfera Ebbasta.

Vasco Rossi, interpellato relativamente alla polemica scaturita dai servizi di "Striscia la Notizia" che avevano avuto per protagonista, suo malgrado, Achille Lauro, accusato - ingiustamente, almeno secondo la stragrande maggioranza della carta stampata, televisione e critica musicale, sostanzialmente tutti i media coinvolti di riflesso nella faccenda, fatta eccezione per "Striscia" ed i suoi seguaci più accaniti - di aver portato al Festival di Sanremo un brano il cui significato nascosto sarebbe stato da intendere come una sorta di inno all'ecstasy.

Pubblicità

Queste le parole di Vasco: "A me Achille Lauro è piaciuto, anche lui ha fatto la sua provocazione artistica. Anche quelli della trap, come Sfera Ebbasta, sono interessanti: ci puoi vedere il disagio giovanile di oggi. Inneggiano alla scarpa firmata, alla macchina grossa, ai soldi. L'idealismo di ieri è stato ucciso, non ci credono più. Invece di condannare dovremmo cercare di comprenderne il significato".

Rap e derivati continuano a dominare le classifiche

Nel frattempo il Rap continua a dominare incontrastato il mercato discografico italiano.

La classifica FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) parla chiaro: nell'attuale graduatoria settimanale dei dischi più venduti, ben 12 tra i primi 20 sono in qualche modo ricollegabili al rap ed ai vari sotto-generi, dal rap-pop alla trap, passando per il rap più classico. Piazzamenti ormai abituali da un paio di anni a questa parte.

Leggi tutto e guarda il video