Due giorni fa Esse Magazine – ormai portale di riferimento in Italia nell'ambito della musica urban – ha pubblicato un'interessante intervista concessa da Luché e Noyz Narcos.

Tantissimi gli spunti di riflessione emersi durante la chiacchierata tra il noto rapper partenopeo, il collega romano ed Antonio Dikele Distefano, che hanno spaziato dalla musica al cinema, come consuetudine durante gli episodi di 'Basement Cafè'.

Pubblicità
Pubblicità

Ma ad aver maggiormente catturato l'attenzione del pubblico sembrano essere state alcune dichiarazioni di Luché su uno dei veri e propri mostri sacri della scena Rap mondiale, ovvero Eminem.

Un discorso, quello di Luché, che in queste ore sta occupando le pagine dei tantissimi canali di informazione che quotidianamente forniscono aggiornamenti sul rap italiano, suscitando discussioni a dir poco agguerrite, non solo su quanto detto dal rapper, ma anche e soprattutto sulle diverse interpretazioni delle sue parole, sicuramente non facili da comprendere ad un primo ascolto, soprattutto per chi non ha una conoscenza approfondita del mondo rap americano.

Pubblicità

Luché, Eminem e gli italiani che hanno frainteso la cultura hip hop

Queste le parole di Luché su Eminem: "Più pompano Eminem più lo odio. Poi in realtà non odio lui, odio cosa lui rappresenta per gli italiani. Io ho notato una cosa, perché io ho vissuto sia il rap underground che i club. [..] I ragazzi italiani all'inizio seguivano le mode 'Black' ma non si sentivano rispecchiati. Quando è arrivato Eminem questa cosa è svanita, hanno iniziato a rispecchiarsi, perché è bianco.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Rap

Ma non sono questi i motivi per cui io mi sono innamorato di questa cultura. Lui è un caso a parte. Eminem è un grandissimo rapper, ma per me non rappresenta la cultura hip hop, purtroppo i ragazzi si rispecchiano vedendolo più vicino a loro. Noi abbiamo un problema a relazionarci con le altre culture, per questo gli italiani scelgono Eminem, lo sentono più vicino, ma Eminem non è la cultura hip hop".

Come ampiamente prevedibile le parole di Luché hanno suscitato molte reazioni di disaccordo tra gli appassionati di rap in Italia. Emblematico in tal senso questo commento lasciato da un utente sotto la nota pagina 'Il rap è la mia strada', che nel pomeriggio di oggi ha rilanciato il video:

"Eminem è intoccabile perché Eminem è il rapper più forte esistente, indistruttibile tecnicamente, metricamente e testualmente, c'è poco da fare.

Pubblicità

Eminem è la rappresentazione ideale della cultura hiphop-rap [...] Uno come Eminem deve essere preso d'esempio, ragazzi è il King del rap in questo momento, prima lo erano Pac e Biggi, ora è Eminem. Punto e basta, inutile parlare. Bianco o non bianco, Jackson era nero ed è stato uno degli artisti più grandi di tutti, Hendrix era nero, Marley era nero e potrei continuare, purtroppo c'è un bianco che fa rap meglio di un nero, ed è il fot....

Pubblicità

King di sempre".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto