La scomparsa di Chris Cornell ha causato un bel vuoto nella musica: come nel caso di Dolores O'Riordan però anche stavolta la sua band ha deciso di impegnarsi in un ultimo lavoro, raccogliendo il materiale registrato dal cantante e lasciato incompiuto. Ma, in questo caso, a differenza dei Cranberries non pochi sembrano essere i problemi, visto che il chitarrista dei Soundgarden, Kim Thayil, ha raccontato in un'intervista di avere dei ritardi per la consegna dei master.

L'assenza dei master

Quando è morto Chris Cornell nel 2017 la sua band stava lavorando ad un nuovo disco: da molti mesi i Soundgarden stanno tentando di completare i lavori in modo da regalare a tutti i fan le ultime canzoni di Cornell: sembrano però esserci non pochi problemi per quanto riguarda i master, i file originali che contengono le registrazioni del cantante.

Nel corso di un'intervista a Music Radar il chitarrista del gruppo, Kim Thayil, ha raccontato che lui insieme agli altri membri della band, il batterista Matt Cameron, e il bassista Ben Sheperd, hanno già registrato le loro parti strumentali: servirebbero però, per poter concludere i lavori, i master con la voce di Chris.

Ecco le parole del musicista: “Cerchiamo di completare questo disco ormai da 2 anni ma non possediamo i demo sui quali Chris stava lavorando. Abbiamo solamente delle copie, ma necessitiamo dei file originali, solo in questo modo possiamo concludere la sovra-incisione e completare l'album. Purtroppo non possediamo questi file”.

L'album bloccato

Non sembra molto chiara la situazione: non si capiscono infatti i motivi per cui questi file non arrivino alla band.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Concerti E Music Festival

"Non lo sappiamo" ha aggiunto il chitarrista. "Li abbiamo chiesti con gentilezza, spiegando che questo lavoro garantirebbe a tutti dei benefici, se soltanto la band riuscisse ad avere questi file e potessimo concludere i brani ai quali stavamo lavorando".

L'artista ha poi proseguito: "A quanto pare, pare che ci sia un po’ di confusione tra le varie parti coinvolte, per quello che questo potrebbe comportare e per il modo in cui dovrebbe funzionare, e a chi dovrebbe portare giovamento.

E ora la situazione incomincia ad essere stancante. Purtroppo non ci possiamo muovere fin quando qualcuno non comprenderà il valore che potrebbe avere il fatto di concedere a noi, i partner creativi di Chris, accedere a quel materiale”.

In attesa di nuovi sviluppi, la band sta comunque lavorando a una nuova uscita celebrativa: si tratta dell'edizione anniversario per l'album Louder Than Love, che a settembre compirà 30 anni.

Il 26 luglio, inoltre, uscirà il disco e il dvd live Soundgarden: Live From The Artists Den.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto