Atmosfera a dir poco infuocata quella che si respira nelle ultime ore nella scena Rap italiana. Tutto è iniziato la sera del 22 marzo 2020, quando il canale di gossip Social Boom ha caricato un video in cui è possibile vedere il noto trapper romano Gallagher venire deriso, umiliato e aggredito da alcuni pugili. Uno di questi, già noto alle forze dell'ordine, è conosciuto anche in ambito rap, è infatti attivo nella scena romana con il nome di 'Sayanbull'.

Il video ha ottenuto sin da subito un numero a dir poco significativo di visualizzazioni, guadagnandosi il primo posto nella classifica italiana delle tendenze YouTube.

Un primato durato però soltanto qualche ora, dato che la clip è stata poi rimossa.

Con ogni probabilità, il motivo della rimozione del video di Social Boom è da individuare nelle riserve espresse da Fedez, che tramite alcune Instagram Stories si è scagliato duramente contro YouTube Italia, invitando la piattaforma a rimuovere il contenuto in questione, ma anche a cancellare l'intero canale 'Social Boom'.

Fedez contro Social Boom: 'YouTube Italia, quanto ci mettiamo a buttare giù questo canale?'

"Cosa volgiamo insegnare ai giovani?

Che se pubblicando un video dove dei ragazzi vengono picchiati si va primi in tendenze? YouTube Italia, quanto ci mettiamo a buttare giù questo canale?". Queste le parole di Fedez, che non sono però piaciute, almeno inizialmente, ad un altro protagonista del rap game made in Italy, ovvero Jamil, che in un primo momento ha contestato duramente l'intervento del compagno di Chiara Ferragni, interpretandolo come una vera e propria difesa nei confronti di Gallagher.

Jamil ha parlato a chiare lettere di incoerenza, lo ha fatto con termini molto duri, salvo poi fare completamente marcia indietro dopo un confronto diretto con Fedez, che ha permesso ai due di venire a capo di quello che si è rivelato essere solo un malinteso.

Jamil contro Fedez: 'Questo è abuso di potere, è mafia, ed è veramente disgustoso vederlo fare da te'

"Volevo dire a Fedez che forse si è dimenticato che Gallagher ha già fatto la galera – ha dichiarato Jamil, in un primo memento – [..] quando ci siamo dissati ha risposto sempre con delle minacce fisiche [..].

Quindi sei veramente incoerente, te la vai a prendere con uno che ha semplicemente ricaricato dei video già presenti online. Questo è abuso di potere, è mafia, ed è veramente disgustoso vederlo fare da te, come è disgustoso il fatto che tu dia spazio ad uno che ha minacciato mezza scena (Jamil si riferisce a Gallagher, supponendo erroneamente che quest'ultimo abbia in atto una sorta di collaborazione professionale con Fedez, ndr) ed ha sempre avuto atteggiamenti violenti".

Jamil, il confronto con Fedez: 'Ho frainteso la sua posizione'

Jamil ha poi avuto modo di chiarire con Fedez, ha infatti riferito di aver parlato direttamente con quest'ultimo.

Subito dopo il confronto il 'King Delle Bong' ha rimosso le stories contro Fedez. Ne ha poi pubblicata un'altra per precisare di aver frainteso le dichiarazioni del cantante e imprenditore milanese. Queste le sue parole: "Sono d'accordo con Fedez – ha spiegato Jamil – che la violenza non debba avere visibilità, ma far rimuovere il canale intero di Social Boom mi sembra eccessivo, nonostante anche io abbia avuto in passato degli screzi con lui. Ho parlato con Fedez ed ho avuto un confronto intelligente che mi ha fatto riflettere. Vedendo dare spazio a Galla (Jamil si riferisce a Gallagher, ndr) nelle sue interviste (Gallagher è stato recentemente ospite del poadcast 'Il Muschio Selvaggio' ideato e condotto da Fedez e Luis Sal, ndr) ho frainteso la sua posizione.

Rimango comunque dell'idea che essendo Gallagher una persona che ha sempre promosso la violenza non dovrebbe avere spazio e supporto, a prescindere. Ho interpretato la cosa come un favoritismo nei suoi confronti da parte di Fedez, vista la loro recente frequentazione, ed ho frainteso il messaggio, che era rivolto invece alla non violenza e all'emulazione che può scatenare. Questa volta sono stato frettoloso nel giudicare. Avevo promesso che avrei smesso con le polemiche, ma è abbastanza difficile cambiare abitudini. Ora torno a pensare alle mie cose, come avevo detto".

Segui la nostra pagina Facebook!