Fabrizio Frustaci è un web Marketer e formatore personale: fondatore di Aforismi Romani e di Noidiroma ha rilasciato un'intervista esclusiva per Blasting News, nella quale racconterà come è arrivato a creare la community online più grande di Roma e la guida su Roma più completa del web. Proprio per questo ho chiesto qualche informazione in merito a nuovi progetti cui sta lavorando e che presto saranno online, soprattutto in che modo vuole aiutare i ragazzi in un percorso di crescita personale.

Ho intervistato Fabrizio Frustaci: ecco quali sono i suoi progetti

Piacere Fabrizio, iniziamo con un classico: chi sei e di cosa ti occupi?

“Ciao sono Fabrizio Frustaci, un marketer appassionato del mondo della 'Crescita Personale'.

Ho 25 anni e sono il fondatore della più grande community web romana “Aforismi Romani” e della guida online più completa su Roma “noidiroma”. Lavoro nel digital da oltre 7 anni. Mi piace realizzare progetti web per dare vita a quelle che sono le mie idee, ispirando e contaminando il prossimo. Sto lavorando ad un progetto dedicato ai giovani, sulla conoscenza di se stessi e la consapevolezza. Con l’obiettivo di far esprimere il loro massimo potenziale.”

Abito a Roma e conosco alcuni dei tuoi progetti, ti va di parlarcene?

“Si, volentieri. Aforismi Romani dopo 2 anni circa dalla sua apertura è diventata la più grande community web romana. Nati da una semplice pagina Facebook abbiamo da subito ottenuto un grande riscontro dal popolo del web. Dopo pochi mesi eravamo già in 100.000 e dopo 2 anni circa in 800.000.

Siamo stati in grado di realizzare:

  • 2 importanti eventi offline in discoteca, che nel complesso hanno coinvolto oltre 2000 persone;
  • collaborazioni con grandi aziende nazionali e non solo;
  • il 1° brand social con uno shop online nel quale vendiamo la nostra linea di gadget (t-shirt, cover, tazze, ecc);
  • attività di coomarketing con multinazionali. L’ultima è stata la collezione di accendini in collaborazione con Clipper;
  • e tante altre iniziative.

Siamo stati in grado di realizzare un vero e proprio lavoro, partendo da una semplice idea nata sul web. A tal proposito, in questo periodo stiamo lavorando ad un corso dedicato proprio a questo. Ovvero, di come realizzare la propria idea sul web.Sarà un percorso dedicato al raggiungimento di questo obiettivo. Ma continuiamo con la storia. Nell’ultimo anno il Team è cresciuto e ad oggi siamo 5 persone.C’è chi si occupa della realizzazione delle frasi, chi della gestione dei social, chi dello shop e chi tira fuori idee da sviluppare :)

Tanti ragazzi ci definiscono una “filosofia di vita” e questo mi piace davvero molto.

Da sempre il mio grande obiettivo è quello di ispirare i ragazzi ad esprimere il loro massimo potenziale.Qualsiasi sia la situazione iniziale di partenza. Si, proprio così. La storia di Aforismi Romani lo dimostra ampiamente.

Sono partito da solo da una situazione non particolarmente facile, fino a coinvolgere 4 persone nel team e ispirare oltre 200.000 ragazzi che ci seguono nei nostri canali social.Da poco abbiamo iniziato a condividere quelle che definisco “pillole di vita”. Ovvero consigli sulla crescita personale, relativi appunto alla conoscenza di se stessi, alla consapevolezza e all’espressione del proprio massimo potenziale.

È un tema che mi sta molto a cuore perchè ho vissuto in prima persona questa crescita e sento che c’è davvero la necessità di parlare di questi temi.Mentre noidiroma.com è una guida online dedicata sia al turista che al cittadino. Anche dietro a questo progetto c’è un gruppo di ragazzi con la passione per la città eterna [VIDEO].

Esprimiamo le nostre competenze e conoscenze per raccontare Roma in un altro modo. E la gente lo apprezza molto.Abbiamo creato una grande community che ci segue sia su Facebook che su Instagram e da poco anche nel nostro gruppo Facebook riservato.”

Ho sentito parlare della Mappa del Tesoro, a chi si rivolge questo progetto?

“Si tratta di un progetto dedicato ai giovani che hanno il desiderio di prendere in mano la propria vita. Le mie esperienze di vita, i miei studi ed in seguito i risultati che ho raggiunto, in primis su di me, mi hanno portato a voler creare questo nuovo percorso.

Negli ultimi anni mi sono concentrato nel cercare risposte a situazioni ed esperienze di vita che mi limitavano e non mi facevano essere la persona che sentivo di essere veramente.Senso di vuoto interiore, non sentirsi alla guida e non vivere una vita a pieno, è ciò che ho vissuto per gran parte della mia giovinezza.

Ah, naturalmente il nome “La Mappa del Tesoro” ha un significato ben preciso, non è stato scelto a caso.Però, mi dispiace, per questo bisogna aspettare il lancio del progetto. Son convinto che ci sia sempre più bisogno di condividere quelle che sono le proprie consapevolezze.

Nel corso degli anni sono stato aiutato da molte persone e ad oggi ho il desiderio di fare altrettanto. Per questo sto definendo bene il mio percorso “La Mappa del Tesoro”.”

Bene! Un’ottima idea.Quali sono i temi trattati su La Mappa del Tesoro?

“Ne La Mappa del Tesoro andremo a toccare quelli che sono gli argomenti che sento più vicini al mio percorso di crescita e che di conseguenza sono quelli che ritengo siano stati fondamentali per il mio cambiamento.

Mi sto riferendo alla conoscenza di se stessi, alla consapevolezza, alla capacità di fare le scelte giuste, ed infine esprimere il proprio massimo potenziale. Ho deciso di sviluppare questi temi perchè sono fortemente convinto che quando si parla di un argomento, ma soprattutto si vuole aiutare qualcun’altro, è importante che quella cosa sia stata vissuta.

Ritengo che ci sia molta differenza tra il parlare di un qualcosa che è stato solamente letto, rispetto ad un'esperienza che è stata vissuta con intensità. Questi temi vengono tralasciati da tanti ragazzi, o meglio non gli viene dato il giusto peso. Non sapendo che tante risposte ai propri problemi, si trovano proprio dentro se stessi. Quindi focalizzare l’attenzione sulla propria crescita, ritengo sia la cosa più importante."Sentirsi alla guida e sapere che si sta facendo la cosa giusta, da sicurezza e permette di realizzare ciò che si desidera.”

Secondo te, quanto è importante conoscere sè stessi?

“Guarda, qualche anno fa non avrei saputo minimamente cosa risponderti. Devo essere sincero. In questi ultimi anni, con i vari percorsi di crescita che ho intrapreso, sia formativi che spirituali, la conoscenza di se stessi la metto al primo posto.

Capire chi si è e cosa si vuole è alla base di una vita serena. Ritengo sia fondamentale per un ragazzo al giorno d’oggi conoscere quali siano le proprie predisposizioni naturali, i propri valori e la propria ambizione.

Sono temi che durante il percorso scolastico, non vengono minimamente trattati. Questo comporta che finita la scuola, la maggior parte dei ragazzi si sentono disorientati.

Si hanno tante conoscenze riguardo le materie studiate e poche dal punto di vista personale [VIDEO]. Un percorso di questo tipo può essere la risposta a tanti pensieri e convinzioni limitanti che si hanno durante l’adolescenza. Alla fine stiamo parlando di consapevolezze. Nuove conoscenze, portano ad essere una persona di spessore e questo significa diventare una persona di valore.”

Quanto è importante riempire se stessi?

“Le mie esperienze di vita, mi hanno permesso di avere una forte convinzione che essere e sentirsi più “pieni”, ti permette di ottenere un certo equilibrio personale. Ma cosa intendo per riempire se stessi? Andare ad aggiungere significato e consapevolezze alla propria vita.

Io l’ho ottenuto e tutt’ora mi “riempio” attraverso nuove esperienze di vita. Un viaggio, un percorso spirituale, un mentore, un corso di formazione. Sono tutte esperienze, che se vissute e “prese” nel modo giusto, ti permettono di formarti e di crearti quel famoso “spessore” del quale parlavo prima.”

Cosa ne pensi del "programmare" la propria vita?

“Credo che sia fondamentale sapere in che direzione si stia andando e gli obiettivi che si vogliono raggiungere. Quindi ritengo che sia corretto parlare di “programmare” la propria vita. Ancor prima però bisogna capire e conoscere il perchè si vogliono fare alcune cose.

Cioè non si può programmare una vita, nella quale non sappiamo cosa fare e come farlo. In tanti momenti della mia vita, non ero assolutamente pronto a “programmarla”. Cioè avevo bisogno prima di far chiarezza. Torno sempre a questo discorso, perchè ritengo sia davvero fondamentale. Così è stato per me.”

Secondo te, cosa può fermare o bloccare un ragazzo nel raggiungimento di un obiettivo?

“Bella domanda, i motivi potrebbero essere molti. Nelle ultime settimane mi son trovato a rispondere a diverse mail, nelle quali tanti ragazzi mi hanno parlato delle proprie paure e dei propri limiti.

Sono uscite cose molto interessanti, molto spesso sempre le stesse. Ad esempio:

  • mancanza di positività;
  • paura di fallire;
  • la mancanza di denaro;
  • mancanza di coraggio;
  • bassa autostima;
  • paura di essere giudicato.

Questi sono solo alcuni dei motivi per i quali tanti ragazzi si fermano e quindi fanno fatica a raggiungere il proprio obiettivo. Generalmente tendiamo a cercare risposte altrove e a dare colpe ad altri. Ma spesso le risposte le conosciamo, solamente non abbiamo il coraggio di assumerci le nostre responsabilità.

Mi piace parlare di responsabilità, come una spinta in grado di far raggiungere i propri desideri. Nel percorso di crescita siamo chiamati a dover fare di più. Qualcosa che generalmente riteniamo non sia alla nostra portata. Assumersi o meno la responsabilità di andarci contro, ne determina il risultato.

Vedo molto spesso ragazzi che si fermano davanti al primo fallimento. Pensando che se la prima volta è andata male, sia così anche per la seconda. In questa fase, ho sempre dato significato a ciò che mi accadeva, chiedendomi come avessi affrontato la situazione e se potevo comportarmi differentemente.

Di conseguenza sono andato a migliorare “il tiro”, riprovandoci. Tante persone hanno già raggiunto gli obiettivi che si sono prefissati. Questo significa che è possibile farlo. La domanda che bisogna porsi è:

“Sono davvero pronto a prendermi la responsabilità di fare qualcosa che non ho mai fatto?”“son disposto a rinunciare a qualcosa di importante in questo momento, per qualcosa di più gratificante?”

Questo ne determinerà i risultati. Quando non ci si prende la responsabilità, generalmente si da la colpa ad altri. Ma bisogna focalizzarsi su ciò che dipende da noi. Su ciò che possiamo cambiare partendo da una nostra decisione.”

Cosa senti di suggerire ai ragazzi che sono indecisi sul percorso da seguire nella loro vita? (Sia in ambito lavorativo, scolastico, sentimentale ecc..)

“Penso di aver già dato tanti spunti nelle risposte precedenti. In qualsiasi ambito della vita, considero fondamentale intraprendere un percorso di conoscenza di se stessi. Che sia un percorso di terapia, di coaching, spirituale o un viaggio ad esempio. Iniziare a porre domande migliori a se stessi.

Quindi vivere esperienze che ci possano far riflettere sul percorso di vita che stiamo intraprendendo e su ciò che vogliamo raggiungere. Ampliare il proprio bagaglio di consapevolezze e lavorare sul proprio spessore. Questo significa definire delle basi solide, sulle quali poi poter costruire qualcosa che sia linea con se stessi.

Il consiglio che mi permetto di dare, considerando anche la mia esperienza personale è di capire veramente chi si è e cosa si vuole raggiungere. Si tratta di un bel percorso, che consiglio di iniziare il prima possibile. Iniziate da qui, il resto verrà da se.

Proprio su questo tema ho progettato un report PDF gratuito, chiamato “La Mappa della Chiarezza”, con le domande e gli strumenti per fare chiarezza e raggiungere i propri obiettivi.”