Il romanzo di narrativa contemporanea “Il Club delle vagine tristi” di Elisabetta Barbara De Sanctis è stato pubblicato da Entheos Edizioni a gennaio del 2021 e inserito nella collana: "La narrativa di Entheos".

"Non accadrà mai, ma se dovessimo perderci di vista, fra trent'anni ci ritroveremo qui, allo stesso giorno e alla stessa ora": è la promessa fatta da Pilar, Amparo, Irma e Leticia, le quattro amiche protagoniste di questo libro.

Le quattro amiche e il loro rapporto

Le quattro amiche quindicenni hanno affidato al fuoco di un falò il solenne voto di restare sempre unite e di non concedere mai a nessun uomo il potere di decidere della loro vita e di distruggere la loro amicizia.

Il tempo, però, può cancellare anche le promesse più importanti e, una volta terminato il liceo, le quattro amiche prendono strade diverse e si separano inevitabilmente.

Quando sono trascorsi 30 da quella promessa, una di loro, Pilar, decide di rinnovarla, invitando le tre amiche a rivedersi e a riaprire il loro "Club delle vagine tristi". Pilar è una prostituta ed è un esempio di altruismo: da anni salva le donne da rapporti tossici e da violenze fisiche e psicologiche, ospitandole nella sua umile casa e offrendo loro un grande supporto.

Amparo è sempre stata la più fragile del gruppo: impacciata e dimessa in adolescenza, anche a 45 anni non è suo agio nel proprio corpo, e si sente poco attraente; inoltre, la sua scelta di restare a casa e di occuparsi di suo marito e dei suoi figli non le ha permesso di inseguire i suoi sogni e si sente incompleta.

Irma, al contrario, ha sempre messo la carriera davanti alla famiglia: chirurgo plastico rispettata e lodata, si sente in pace solo quando ha un bisturi in mano, mentre negli altri momenti della sua vita è preda di ansie, di comportamenti maniacali e di disturbi dell’alimentazione. La sua famiglia sta cadendo a pezzi e anche la sua carriera è a rischio, a causa della sua dipendenza da anfetamine.

Leticia è sempre stata l’anima della festa e la più positiva del gruppo: piena di vita e di sogni, ha visto sfumare il suo desiderio di affermarsi come attrice a causa dell’abuso di alcool, che l’ha portata anche a scegliere relazioni sbagliate.

Il nuovo incontro

Quando le quattro amiche si incontrano nuovamente, tanta è la gioia, ma molta è pure l’amarezza per un’esistenza che aveva promesso meraviglie a quelle adolescenti ed è stata invece spesso crudele con loro una volta cresciute.

L’autrice conduce il lettore del romanzo nell'intenso incontro fra le quattro donne e nelle conseguenze che ne scaturiscono: grazie alla saggezza di Pilar, ognuna comprende di dover cambiare la rotta del proprio viaggio, e di dover sempre lottare per affermare la propria voce.