Unpassaggio molto brusco e brutale quella che la Banca centrale europeadedica alla situazione italiana. Secondo le stime infatti l'Italianon sarà in grado di centrare un obiettivo molto importante ossia undeficit di bilancioche sarebbe pari al 2,6 per cento dei prodotto interno lordodell'anno 2014. Unquadro che risulta peggiore di quanto previsto comunica la Bce.La Banca comunicainoltre nel suo bollettino che, per avere dei buoni risultati,l'Italia dovrebbe prendere altri impegni e mantenere fede allapolitica fiscaleche andrebbe anche rafforzata.

Ci vuole dunque un maggiore slancio,maggiori sforzi per cercare di far crescere l'occupazione annuale deicittadini. Questo quanto chiede il consiglio della Banca centrale europea.Nel bollettino si comunica inoltre che occorre anche una maggioredeterminazione su tutti i mercati per migliorare tutte le condizioniin cui le imprese versano.

Lacrescita nel terzo trimestre sarà in rallentamento

Glieconomisti dell'Eurotower,scrivono prontamente la situazione che avverrà nel terzo trimestreossia una perdita di slancio della crescita.

Un ritmo modesto quelloche tempestivamente descrivono. Sulla ripresa infatti pare peseràsoprattutto il tasso di disoccupazioneanche se negli ultimi momenti sembra essere in discesa. A giugno si èregistrato un calo della disoccupazionepari allo 0,1 per cento. Il bollettino conferma inoltre le parole diMario Draghiin merito alla situazione economica deludente. Draghiinfatti lascia la porta aperta alla possibilità di inserire deitagli ai tassi e avviare l'acquisto di Abs.In ogni caso però pare che la domanda interna sia in grado dibeneficiare di tutte le misure politiche monetarie che sono statemesse in atto per migliorare la situazione economica efinanziaria e perottenere dei progressi anche a livello fiscale.

La Bcecomunque segnala i limiti che la crescita avrà se non si ponerimedio alla disoccupazione che sta flagellando l'economia.I rischi continuano ad essere molti soprattutto si teme oltre alrallentamento, un vero e proprio peggioramento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto