"Misurare la qualità della vita dei nostri territori con gli occhi dell'economia" e gli italiani attraverso il tasso di disoccupazione, reddito, depositi in banca, export delle imprese, passando per il Benessere, la gioia e il piacere di vivere nelle province d'Italia, tutto è raccontato con i numeri nella 25ª edizione della classifica stilata Sole 24 Ore sulla "Qualità della Vita 2014". I capoluoghi scrutati sono 107, i parametri usati nell'indagine sono 36 e le principali aree analizzate riguardano il tenore di vita, affari e lavoro, servizi ambiente e Salute, popolazione, ordine pubblico e tempo libero.

Dai risultati complessivi è evidente che Ravenna è prima in classifica, Agrigento ultima, il Mezzogiorno è sempre in ritardo, i risultati premiano sempre il Nord e il divario con il Sud è profondo e desolante (Sicilia, Campania e poi Puglia e Calabria restano con molte "medaglie nere"). In particolare, Ravenna vanta un reddito pro capite attorno ai 28mila euro, tasso di occupazione del 67%, quote export sul Pil del 34%, mentre Agrigento possiede un reddito per persona di circa 11.500 euro, tasso occupazione del 40% e quota export su Pil del 3,4%.

Sulla situazione di Agrigento si è espresso il prefetto Nicola Diomede per il quale la città agrigentina è un luogo che "a cinque l'ora andava e a cinque l'ora continua ad andare".

Nelle posizioni più alte in classifica c'è poi Modena premiata per bassa inflazione, Pil e consumi; Reggio Emilia che ha buone prestazioni nell'occupazione, imprenditorialità dei giovani e impieghi sui depositi; Siena è tra le prime per l'alta presenza dei giovani e pochi divorzi e separazioni; Genova si caratterizza in classifica per sportività ed elevata presenza di sale cinematografiche.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Tra le grandi città: Bologna è al settimo posto, Milano all'ottavo e Roma è dodicesima.

La qualità a Roma capitale è piuttosto in discussione, i cittadini bocciano pulizia, viabilità e circolazione auto, trasporti pubblici, sono promossi nidi e cultura mentre i recenti casi di malaffare politico non fanno che deteriorare il quadro di una città con evidenti mancanze organizzative. Il voto medio espresso dalla cittadinanza è di 5,71 e gli abitanti in periferia sono tra i meno soddisfatti.

Con un respiro internazionale, agganciandoci alla qualità della vita nei centri finanziari europei, secondo la classifica stilata dalla società di consulenza Mercer, Milano è poco oltre il quarantesimo posto e si salva per ambiente economico e servizi pubblici e Roma è al 51esimo posto con una qualità delle abitazioni, rispetto alla capitale austriaca Vienna che è al primo posto delle città europee più vivibili.

Le voci "ambiente politico e sociale", "abitazioni" e "salute" discriminano di molto in termini di posizioni tra la miglior città al mondo e la migliore italiana.

Da questo susseguirsi di cifre è chiaro che bisogna lavorare per migliorare la qualità della vita nei centri cittadini e adoperarsi per farli diventare sempre più interessanti e attraenti per gli investimenti esteri in ottica di economia globale.

È fondamentale investire in infrastrutture fisiche e tecnologiche, revisione fiscale per le imprese, e produrre risultati eccellenti per i cittadini che hanno il diritto di vivere in aree attrezzate e ben tenute.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto