Annuncio
Annuncio
Alti funzionari greci fanno a gara per calmare i timori che il paese mancherà di fare un rimborso cruciale la prossima settimana - una mossa che potrebbe spingere la nazione in default e creare caos nei mercati finanziari.


Davanti a una scadenza fissata al 9 aprile per il pagamento di € 460m al Fondo Monetario Internazionale, si teme che la Grecia non abbia denaro e rischi il default.


Ma Venerdì, il vice ministro delle Finanze, Dimitris Mardas, ha detto alla TV greca Skai TV che il paese era pronto a pagare. "Ci sforziamo per essere in grado di pagare i nostri obblighi in tempo. Siamo pronti a pagare il 9 aprile ", ha detto.


Le sue osservazioni sono arrivate alla fine di una settimana in cui il ministro degli Interni, Nikos Voutsis, aveva sollevato la prospettiva di non riuscire ad effettuare il rimborso. Voutsis aveva detto che il paese doveva scegliere tra il rimborso al Fondo monetario internazionale (FMI) e il pagamento di stipendi e pensioni - e avrebbe scelto la seconda.


Si ipotizza che la Grecia stia pianificando la nazionalizzazione delle sue banche e l'introduzione di una nuova valuta mentre continua a negoziare i termini per il suo piano di salvataggio, in base al quale non ha ricevuto fondi da agosto.


Alexis Tsipras - che è stato eletto per guidare il governo verso la promessa di ammorbire le misure che hanno colpito duramente la Grecia dall'introduzione del piano di salvataggio del 2010 - ha utilizzato fondi di società pubbliche come Athens Metro e l'azienda idrica greca per poter continuare a pagare gli stipendi al personale governativo.


Il suo governo ha inoltre presentato nuovi piani per cercare di alleviare le condizioni collegate al bailout da 240bn do euro, avvertendo che la sopravvivenza dell'euro era a rischio. I suoi ministri vogliono 7 miliardi di € sottoforma di emergenza in cambio di un nuovo pacchetto di promesse della Grecia per rivedere la sua economia.


Gli economisti hanno cercato di valutare l'importanza di un mancato rimborso al FMI, con la speranza che al paese possa essere dato un periodo di grazia di un mese. "Noi sosteniamo che la Grecia possa essere ufficialmente in mora solo a maggio", ha detto un analista di Bank of America Merrill Lynch.


"Certo, saltare un pagamento potrebbe innescare più velocemente scenari negativi, se portasse a ulteriori perdite di depositi. Detto questo, non dimentichiamo che il governo greco ha rassicurato di avere i soldi per pagare il FMI il 9 aprile, probabilmente utilizzando riserve di liquidità da parte dei governi locali e altri enti statali", ha detto l'analista della Bank of America Merrill Lynch.