Nel prossimo consiglio di amministrazione conosceremo i ricavi di Mediaset Premium nell'ultimo trimestre. Un dato molto atteso dalle borse e da analisti finanziari per capire se e quanto l'effetto dell'esclusiva sulla Champion's League abbia prodotto i risultati sperati dal gruppo del Biscione.

Lo scontro tra Mediaset Premium e Sky, per ottenere la leadership del mercato delle pay tv è solo all'inizio, ma secondo gli analisti della Barclays i dati per il gruppo della famiglia Berlusconi sarebbero tutt'altro che esaltanti. Secondo gli analisti inglesi, il gruppo dovrebbe chiudere il terzo trimestre con risultati analoghi a quelli fatti registrare lo scorso anno.

Ammonterebbero infatti a circa 402 milioni di euro i ricavi, perfettamente in linea con quelli passati, nonostante l'esclusiva Champions, che a quanto pare, non avrebbe portato alcun beneficio alle casse del gruppo Mediaset.

La piattaforma televisiva, controllata all'89% dal gruppo che fa capo a Piersilvio Berlusconi, e all'11% dal gruppo Telefonica, non realizzerà gli introiti che erano stati preventivati, con una proiezione a fine anno, che si attesterà, secondo gli analisti della Barclays, attorno ai 550 milioni di euro.

Quasi nullo l'effetto Champions sui conti di Mediaset Premium

Un dato poco lusinghiero, se si tiene in considerazione che la media attesa dagli analisti era stimata attorno ai 590 milioni di euro. Con i 550 milioni di ricavi stimati, Mediaset Premium realizzerebbe una performance di poco superiore a quella dello scorso anno, quando i ricavi ammontarono a 538,4 milioni di euro, ma inferiori ai dati relativi all'anno 2013, quando il dato dei ricavi totali fece segnare 552 milioni di euro.

I migliori video del giorno

Intanto il gruppo Mediaset, stando a quanto dichiarato dal presidente di Premium, Giordani, conta di portare a casa 200 mila nuovi abbonati rispetto allo scorso anno, un dato che consentirebbe di potere coprire le spese sostenute dal gruppo per garantirsi i diritti della Champions League. L'incremento del numero di abbonati e la crescita della raccolta pubblicitaria dovrebbero consentire - secondo Giordani - di potere ammortizzare i costi nei primi due anni e portare utili a Mediaset Premium nel terzo anno di esclusiva Champions.