Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ad hoc del ministero del lavoro anche l’Inps con Circolare n.133/2016 ha appena annunciato alcune delle modalità per l’attivazione della misura della Sia, operativa dal prossimo 2 settembre. La Sia nel 2016 parte con un budget di 750 milioni di euro. La Sia ossia il cosiddetto sostegno all'inclusione attiva avrà come principali beneficiari nuclei familiari italiani che si trovano in particolari condizioni di difficoltà economica.

I requisiti, per poter fare domanda dal 2 settembre sono:

  • cittadinanza italiana o all’interno della comunità europea
  • cittadino straniero con permesso di soggiorno e residenza in Italia da 2 anni; 
  • Isee corrente sotto o uguale a 3 mila euro
  • avere in famiglia almeno un figlio disabile, un minorenne o una donna in stato di gravidanza
  • adesione ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa previsto dal Comune
  • assenza di membri del nucleo familiare titolari di Social Card disoccupati, Asdi, Naspi.

Si è esclusi dalla Sia anche se uno dei componenti della famiglia percepisce trattamenti economici di natura previdenziale, assistenziale, indennitaria sopra i 600 euro mensili.

Ricordiamo che se si verificano variazioni dell'Isee, della situazione professionale, ecc. i richiedenti devono comunicare tempestivamente tutti i relativi aggiornamenti.

Come fare domanda per il reddito minimo d’inclusione?

Per richiedere la Sia occorre essere in possesso di una Dsu (dichiarazione sostitutiva unica). La domanda può essere presentata al proprio Comune di appartenenza. Il Comune provvederà, entro 15 giorni, ad inoltrare la domanda all’Inps, che entro 10 giorni procede all’accertamento della sussistenza delle condizioni previste per l’erogazione del sussidio. L’Inps attribuirà un punteggio in centesimi. Per ottenere la Sia occorre ottenere minimo 45 punti. Il gestore del servizio provvede poi a distribuire le carte prepagate, provvedendo ogni 2 mesi tramite questa carta prepagata all’accredito degli importi dovuti.

I migliori video del giorno

Il beneficio è concesso in virtù della numerosità del nucleo familiare con un ammontare medio pari a 320 euro a famiglia (se i membri sono 4), 400 euro, se i membri sono 5. Con la carta si possono effettuare acquisti nei negozi, nei supermercati, nelle farmacie (ecc.) abilitati al circuito MasterCard ed è possibile anche pagare le bollette di luce e gas. Sulla carta non si possono fare prelievi e la stessa non può essere ricaricata. Il beneficio è concesso solo per 12 mesi.

Adesione delle famiglie ad un progetto personalizzato

Ogni famiglia dovrà aderire ad un progetto personalizzato predisposto dai servizi sociali del proprio Comune, volto al reinserimento lavorativo e al superamento della condizione di povertà. I comuni devono quindi fare sottoscrivere tale progetto per adesione ai componenti del nucleo familiare beneficiario del Sia entro 60 giorni dalla relativa comunicazione dell’accreditamento del 1^ bimestre. Sono previsti anche tirocini, borse-lavoro o di formazione. Rappresenta motivo di esclusione dal beneficio la mancata sottoscrizione del progetto da parte dei richiedenti della Sia.

Per altri aggiornamenti potete premere il tasto segui accanto al nome,