Dal prossimo primo luglio potrebbero essere molti di più i fruitori del Reddito di Inclusione, la misura di unica di contrasto alla povertà lanciata dal Governo Gentiloni. In attesa che il nuovo Esecutivo Conte sostituisca questo benefit, con il reddito di cittadinanza che fa parte del contratto di Governo sottoscritto da Lega e Movimento 5 Stelle, il REI resta i vigore e potenzia il perimetro di eventuali aventi diritto. Tutto questo alla luce delle novità normative previste da tempo (fin dall’avvio del REI, cioè gennaio 2018) e che entreranno in vigore dal prossimo 1° luglio.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Pensioni

I nuovi requisiti

Le novità riguardano tutti coloro che hanno preesentato domanda a partire dallo scorso 1° giugno e che inizieranno a fruire del benefit dal 1° luglio prossimo.

E’ stato eliminato il requisito relativo alla composizione del nucleo familiare, [VIDEO] fattore determinante alla percezione del beneficio fino ad oggi. Nello specifico, non è necessario avere minori a carico, invalidi, donne in attesa, o disoccupati over 55 all’interno del proprio nucleo familiare. Restano in vigore però tutti gli altri requisiti utili ad accedere alla misura, a partire dai soliti requisiti di cittadinanza e residenza nel territorio italiano. Nessuna novità nemmeno per i requisiti reddituali che restano anche collegati all’ISEE. Nel dettaglio:

  • ISEE non superiore a 6.000 euro
  • ISRE non superiore a 3.000 euro
  • Patrimonio immobiliare esclusa la prima casa non superiore a 20.000 euro
  • Depositi bancari, conti correnti, carte di credito e debito e buoni complessivamente entro 10.000 euro per famiglie di almeno 3 componenti, 8.000 euro per coppie e 6.000 euro per singoli
  • Nessun ammortizzatore sociale per disoccupati percepito

Importi e domanda

Cambia il modulo che è rinnovato in base alle novità recepite [VIDEO]ma non la procedura di presentazione dell’istanza che va consegnata all’Ufficio Protocollo del proprio comune di residenza.

Sarà il comune ad occuparsi della trasmissione dell’istanza all’Inps che a sua volta, se la stessa avrà esito positivo, comunicherà alle Poste Italiane di dare via alla procedura di emissione della carta Rei e dei conseguenti versamenti sulla stessa. Secondo la normativa vigente applicata al Reddito di Inclusione, gli importi mensili erogati ai fruitori del beneficio sono:

  • soggetto singolo : € 187,50
  • coppie : € 294,50
  • famiglie con 3 componenti: € 382,50
  • famiglie con 4 componenti: € 461,25
  • famiglie con 5 componenti: € 537,37
  • famiglie con 6 o più componenti: € 539,82

Va ricordato che l’ultima Legge di Bilancio ha aumentato i valori delle cifre da erogare delle famiglie composte da 5 o più componenti e che saranno valide per le erogazioni a partire da luglio. Resta sempre attiva la modalità di spesa dei soldi caricati sulla carta Rei, cioè una metà prelevabile in contanti presso gli sportelli bancomat e l’altra metà da spendere nei negozi convenzionati, in farmacia o per pagare le bollette delle utenze domestiche.