Il 10 settembre compirà 54 anni e come regalo di compleanno si regalerà la libertà. Jack Ma, fondatore e presidente del colosso dell'e-commerce cinese Alibaba, ha annunciato al mondo che da lunedì lascerà la guida della sua creatura, fondata nel 1999 nel suo appartamento di Hangzhou e che lo ha portato ad essere oggi l'uomo più ricco della Cina con un patrimonio che si aggira sui 40 miliardi di dollari.

A discapito della sua giovane età, andrà in "pensione" perché come lui stesso rivelò nel corso di un'intervista di qualche tempo fa, preferisce morire in spiaggia sotto un ombrellone piuttosto che in un ufficio.

Seguirà le orme di Bill Gates dedicandosi alla filantropia

Jack Ma seguirà le orme di Bill Gates, figura che più volte ha indicato come modello da seguire, dedicandosi alla filantropia e guidando la sua fondazione benefica con cui punta a dare internet ai contadini delle zone più povere e remote della Cina per dare loro possibilità di istruirsi.

Proprio lui, che prima di fondare il suo impero economico era un insegnante di inglese che un giorno mentre tentava di comprare una birra online, ebbe l'intuizione di fondare un e-commerce.

Era il 1999 infatti quando Jack, all'anagrafe Ma Yun, insieme ad un alcuni amici fondò una startup che nelle prime settimane rischiò addirittura di fallire perchè bocciati dalla Silicon Valley. Ma dopo la delusione iniziale, arrivò la rivincita, con la conquista del mercato cinese e l'esordio in America a Wall Strett con un Ipo che ancora oggi è un record mondiale, con 25 miliardi di dollari.

La guida di Alibaba passerà a Daniel Zhang

Alibaba.com oggi vanta qualcosa come 70.000 dipendenti con business che spaziano dal commercio online all'informatica, all'intrattenimento ai media.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Affari E Finanza

Per avere una stima della grandezza basta sapere che soltanto la società madre vale oggi qualcosa come 400 miliardi di dollari.

Da lunedì la guida di Alibaba e tutte le partecipate passerà nelle mani di Daniel Zhang, già CEO dal 2013, anche se appare difficile che "il profeta" - come viene chiamato - si faccia realmente da parte rinunciando ad esercitare la sua massima influenza nel gruppo che più che un capo lo vede come un vero e proprio guru.

Anche perché l'azienda ha ancora ampi margini di crescita e tante nuove frontiere che il fondatore intende intraprendere, come ad esempio l'introduzione della realtà virtuale nel commercio online e poi l'obiettivo superare Amazon.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto