Mancano poche ore all'avvio dell'attesissimo "Cashback di Natale", il programma che consentirà di ottenere fino a 150 euro di rimborso sulle spese effettuate durante il periodo di Natale, precisamente fino al prossimo 31 dicembre.

Tuttavia, saranno valide esclusivamente le spese effettuate nei punti vendita fisici attraverso carte di credito, bancomat e applicazioni.

Come funziona il programma Cashback di Natale

Come già brevemente accennato, il programma Cashback di Natale prenderà avvio da domani, 8 dicembre, e consentirà di ottenere un rimborso del 10% della spesa effettuata con carta o bancomat, fino ad un massimo di 15 euro per ogni operazione.

Per poter ottenere il rimborso, però, sarà necessario che ciascuno effettui almeno 10 transazioni con strumenti tracciabili: saranno considerati validi tutti i pagamenti effettuati presso bar, ristoranti, locali, punti vendita, supermercati, benzinai, ma anche pagamenti dei servizi offerti da professionisti, quali avvocati, medici, ingegneri e idraulici, purchè effettuati sempre con carte, bancomat o applicazioni.

Nel Cashback di Natale saranno conteggiate le spese di qualsiasi importo, ma non saranno considerati validi gli importi inerenti a spese effettuate online, i pagamenti inerenti allo svolgimento di attività professionali, le operazioni effettuate presso sportelli ATM, i bonifici per addebiti su cc, altre operazioni per pagamenti ricorrenti con addebito su carta o conto.

Come registrarsi e aderire all'iniziativa

Per aderire all'iniziativa del Cashback di Natale, nonchè alla versione ordinaria che sarà avviata a gennaio, bisognerà scaricare "IO", l'app dei servizi pubblici utilizzata nei mesi precedenti anche per la gestione del Bonus Vacanze e procedere con l'iscrizione.

Per registrarsi sarà necessario disporre di una Carta d'Identità Digitale oppure delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale); una volta effettuata la registrazione, nella sezione "portafoglio" ciascuno potrà registrare le proprie carte e i propri bancomat: a tal proposito, è opportuno sottolineare che saranno conteggiate per il rimborso soltanto le spese effettuate con le carte registrate sull'applicazione.

Nell'apposita area, inoltre, bisognerà inserire anche l'iban sul quale si vuole ricevere il rimborso.

Nelle ultime ore, sembra che l'applicazione abbia manifestato dei "rallentamenti", probabilmente dovuti ad un sovraccarico di utilizzo da parte degli utenti che tentano di registrarsi, ma i gestori dell'applicazione hanno già assicurato che sono già all'opera per la risoluzione del disservizio.

Segui la pagina Affari E Finanza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!