Che recarsi tutti i giorni in ufficio non sia sempre produttivo e che costi soldi e sacrifici lo sapevamo tutti, ma i datori di lavoro non se ne erano mai accorti. Microsoft invece sì! In Germania, in casa Microsoft hanno deciso che i dipendenti possono lavorare non solo quando vogliono, ma non è nemmeno richiesta la presenza in ufficio! Si potrà quindi lavorare da casa o dal parco, o da un hotel mentre si è in vacanza, dopo aver portato i bambini a scuola o dopo essersi svegliati ben più tardi del solito perché la sera prima si è fatto tardi con gli amici.

Sembra una follia, ma al colosso di Redmond interessano soltanto i risultati: se i dipendenti sono bravi e riescono a fare tutto in poco tempo buon per loro.

Le nuove tecnologie

C'è da dire che gli strumenti per lavorare in questo nuovo contesto ci sono, Microsoft ne è consapevole e ne è parte attiva. Tutti noi utilizziamo smartphone e tablet, potenti come computer, con i quali è possibile rispondere alle mail, tenere traccia di appuntamenti e anche lavorare, Microsoft ha anche sviluppato sistemi operativi per smartphone, anzi è di pochi giorni fa l'annuncio del nuovo Windows 10, che sarà presente anche sugli smartphone e tablet.

Anche il concetto di office automation e di spazio disco cambia drasticamente al giorno d'oggi. Se Google ha iniziato la rivoluzione del Cloud, con applicazione e spazio disco on line, Microsoft non è da meno e dispone degli stessi identici strumenti, anzi, dal lato applicazioni ha reso disponibile il pacchetto Office 365. C'è poi Skype, acquisita da Microsoft, che ha soppiantato il vecchio Messenger e che permette ormai videoconference anche dal telefonino. Le carte in tavola ci sono tutte, adesso speriamo che anche altre aziende seguano la scia.

Microsoft non è la prima azienda a cambiare le regole del lavoro

In realtà Microsoft non è la prima azienda a prendere una decisione così drastica: in Germania già altre grandi aziende come Bmw, Sap e Deutsche Bank hanno applicato questo modello. Per non parlare degli USA, dove Richard Branson, patron della Virgin, ha da qualche mese permesso ai propri dipendenti di andare in vacanza a piacimento, a patto di non tralasciare i risultati.

Idem per la società NetFlix, leader nel settore dei video on demand. E in Italia accadrà mai una cosa simile?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto