Almeno due anni di disoccupazione e un anno contributivo, sono questi i due requisiti fondamentali per fare domanda ASpI. L'indennità mensile di disoccupazione alla quale possono fare domanda i docenti precari passa da 10 a 16 mesi in relazione all'età anagrafica del soggetto richiedente. L'ASpI sarà definita a regime con decorrenza dal 1 gennaio del 2016. A partire dal 1 gennaio 2015, il Governo ha stabilito l'aumento dei mesi della durata di spettanza ASpI, con l'obiettivo di sopperire al periodo di disoccupazione del personale della Scuola. I mesi riconosciuti ai docenti precari disoccupati aumentano in relazione all'età anagrafica del richiedente.

ASpI docenti precari: requisiti contributivi

Per poter richiedere l'ASpI, il docente precario deve aver stipulato un contratto di lavoro a tempo determinato con termine nel 2014. Fondamentali altri due requisiti: due anni di assicurazione, dai quali devono essere trascorsi almeno altri due anni dal versamento del primo contributo contro la disoccupazione (cessazione del contratto di lavoro a termine). Da tale periodo, per l'erogazione dell'ASpI si calcolano i 24 mesi di riferimento con precedura a ritroso a decorrere dal primo giorno in cui si entra nello status di disoccupazione.



Il secondo requisito per poter richiedere l'AspI è la maturazione di un anno di contribuzione contro la disoccupazione nei 24 mesi precedenti la fine del contratto di lavoro, comprendendo contributi figurativi per maternità, congedo parentale, ma solo se regolarmente indennizzati. Non sono da considerarsi periodi utili di contribuzione al fine della richiesta ASpI, malattia e/o infortunio sul lavoro, quando non vi sia integrazione della retribuzione da parte del datore di lavoro (minimale retributivo), e altresì permessi, assenze, congedi per sostegno aiuti a figli a carico con disabilità.

ASpI docenti precari: quanti mesi spettano?

Dal gennaio 2015, l'ASpI aumenta la durata del periodo contributivo. Con il 2014 come anno di termine del contratto di lavoro, il docente precario con età inferiore a 50 anni ha diritto a 8 mesi di indennità; con età pari o superiore a 50 anni e fino ai 55 anni si ha diritto a 12 mesi; fino a 14 mesi per i precari della scuola oltre i 55 anni. Si ricorda, a tal proposito che tale durata di mesi di indennità mensile ASpI è riconosciuta ai richiedenti disoccupati che hanno stipulato un contratto di lavoro cessato nell'anno 2014. Per fare domanda sarà necessario seguire le procedure indicate nel sito ufficiale dell'Inps, procurando la certificazione necessaria ad attestare i requisiti richiesti per l'ASpI.



Di seguito, con la cessazione del contratto di lavoro a tempo determinato, dal 1 gennaio 2016, la durata del trattamento ASpI diventerà 10 mesi per docenti precari della scuola con età fino a 50 anni; 12 mesi per età anagrafica pari o maggiore di 50 anni e fino a 54 anni e 364 giorni, per arrivare a una durata di trattamento ASpI fino a 16 mesi per docenti precari disoccupati dai 55 anni in poi e nei limiti dei requisiti di contribuzione degli ultimi due anni lavorativi, come esposto nel paragrafo precedente. La modifica alla durata del trattamento di indennità di disoccupazione si pone l'obiettivo di agevolare le fasce più deboli (con età superiore ai 50 anni) nella successiva ricerca di altro lavoro, in considerazione proprio dell'età anagrafica.
Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!