La Corte Costituzionale ha definito incostituzionale il blocco della rivalutazione Pensioni 2012-2013 e il Governo deve ora occuparsi del rimborso di quanto è stato tolto a circa 6 miliardi di pensionati. Le ipotesi al vaglio sono numerose, ma due sembrano prevalere. Scopriamo tutti i dettagli nel particolare.

Rimborso blocco pensioni, le ipotesi dopo la sentenza della Corte

Il blocco della rivalutazione pensioni previsto dalla legge Fornero varata alla fine del 2011 è incostituzionale, quindi lo Stato italiano dovrà restituire quanto è stato tolto a tutti i pensionati coinvolti, precisamente coloro che ricevono assegni dall'importo superiore a tre volte il minimo.

Pubblicità
Pubblicità

Si parla di circa 5-10 miliardi di euro, una cifra certamente non irrisoria che peserà sulle casse dello Stato dopo il rimborso che dovrà essere obbligatoriamente messo a punto.

Proprio in questi giorni, il Governo ha iniziato a studiare diverse ipotesi per il rimborso del blocco pensioni, ma due idee sembrano prevalere sulle altre: restituire il dovuto a rate (aumentare il valore degli assegni pensionistici fino alla completa estinzione del "debito") o stabilire un nuovo blocco della rivalutazione pensioni per quelle particolarmente alte (cinque/sei volte superiori al minimo) per cercare di ridurre le spese della restituzione.

Pubblicità

L'obiettivo è quello di trovare rapidamente una soluzione senza però gravare troppo sul bilancio pubblico. Come già affermato precedentemente, le cifre in gioco non sono basse, ma è allo stesso tempo giusto che il Governo trovi una soluzione e rimborsi i pensionati coinvolti da questa sentenza della Corte Costituzionale. Nel frattempo, il ministro Poletti ha assicurato che non ci sarà una patrimoniale per coprire questa nuova spesa extra, ma ha anche invitato alla calma affermando che è ancora presto per fare delle vere valutazioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Se siete interessati all'argomento pensioni e volete essere sempre aggiornati, vi invito a cliccare il tasto "Segui" per ricevere in anteprima le ultime notizie.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto