La riforma della Scuola continua l'avanzamento del proprio iter parlamentare, nonostante le continue proteste e la forte opposizione: la Camera ha approvato l'articolo 8 del disegno di legge renziano con 268 voti favorevoli, 90 contrari e 25 astenuti e successivamente ha dato il proprio sì anche ad uno degli articoli più 'scottanti' della riforma, vale a dire quello relativo ai super poteri dei presidi. Su questo punto, Stefano Fassina ha manifestato il proprio dissenso, invitando il governo ad usare buon senso e a fermarsi.

'Il danno lo stiamo facendo soprattutto ai nostri ragazzi' afferma l'ex viceministro dell'Economia e delle Finanze. Per la cronaca, l'articolo nove è stato approvato con il voto a favore di 241 deputati, 100 si sono dimostrati contrari, mentre sono stati undici gli astenuti.

Onorevole Stefano Fassina: 'Ministro Giannini, dimettiti'

In particolare Fassina si è rivolto al ministro Giannini, chiedendo al numero uno del Miur di assumersi tutte le proprie responsabilità per quanto dichiarato nei giorni scorsi: l'invito, poi, è quello di lasciare il proprio incarico per favorire la ricostruzione di un clima positivo nei rapporti tra il mondo della scuola e le forze del governo.

Le parole vengono scandite da Fassina, sottolineando come la Giannini abbia definito 'abulica' la maggioranza dei docenti e 'aggressiva' la minoranza. L'esponente del Partito Democratico si chiede come sia possibile, dopo aver ascoltato queste dichiarazione, sperare in una riqualificazione della scuola.

Anna Ascani, PD: 'Si entrerà per concorso e non per amicizie con i presidi'

L'Onorevole Fassina, dopo aver ascoltato il membro della VII Commissione cultura Anna Ascani che ha dichiarato che i docenti verranno assunti regolarmente tramite concorso e non perchè si è amici o conoscenti del preside, ha replicato duramente dichiarando che l'articolo nove della riforma renziana sulla scuola si basa, invece, sulla logica del comando: illustrando il proprio emendamento sulla normativa che riguarda i poteri dei dirigenti scolastici, Stefano Fassina ha ribadito, ancora una volta, come sia opportuno che il ministro Stefania Giannini si dimetta al più presto. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto