Resta un tema caldissimo in questi giorni il dibattito sulla Riforma della Scuola di Renzi, conosciuta come La Buona Scuola. Il DDL governativo è passato alla camera e la prossima settimana (precisamente mercoledì 27 maggio) approderà in Senato per esser discusso. Il termine massimo per presentare gli emendamenti sarà il 1 giugno, per chiudere poi i lavori entro la metà del mese secondo i piani di Palazzo Madama. I tempi ovviamente potrebbero allungarsi, perchè se al Senato sarà approvata qualche modifica (cosa probabile), il DDL dovrà poi tornare per la terza e ultima lettura alla Camera.

Pubblicità

DDL La buona Scuola, precari in attesa di assunzione, le ultime novità

Per quanto riguarda uno dei nodi chiave della riforma Scuola, quello dei precari, vediamo cosa è cambiato alla Camera e in cosa consiste ora il ddl approvato. I tempi per l'immissione di centomila precari da settembre nella scuola restano stretti e anche per questo il Governo spera di chiudere già entro metà mese i lavori in Senato. La Buona Scuola, dopo le proteste e il dibattito politico è cambiata in alcune sue parti, tra cui proprio quella che riguarda i precari, con alcune migliorie approvate alla Camera rispetto al progetto iniziale presentato dal Ministro Giannini.

Nel nuovo testo modificato alla Camera è prevista l'assunzione di 100 mila precari della Scuola. Questi saranno i docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento della scuola secondaria e i vincitori del concorso del 2012. Se tutto andrà come deve, i centomila precari della scuola saranno immessi in ruolo dal 1 settembre 2015 e saranno inseriti nel cd. organico per il potenziamento dell'offerta formativa. Non saranno quindi per il momento titolari di cattedra.

Riforma Scuola renzi e novità DDL: concorso per 60mila cattedre

Per quanto concerne invece tutti gli altri precari della scuola come docenti e abilitati Tfa e Pas non è previsto nel DDL la Buona Scuola un piano di assunzione, ma vi sarà un concorso apposito che sarà bandito il entro 1 ottobre 2015 per l'assunzione a tempo indeterminato.

Pubblicità

Per il concorso costituiranno titoli valutabili per il punteggio il titolo di abilitazione all'insegnamento e anche l'aver insegnato per massimo 6 mesi con contratti a tempo determinato. Le graduatorie una volta stilate avranno durata di 3 anni. Voi cosa ne pensate di queste novità sulla buona scuola 2015, passate alla Camera? Diteci la vostra nei commenti e cliccate segui se volete ricevere aggiornamenti sul tema!