Il tema della riforma pensioni 2015 ci accompagnerà, probabilmente, per i prossimi mesi fino a che non troverà una definizione, si spera, in Legge di Stabilità. Quali sono le ultime notizie di oggi, 8 giugno? Le varie proposte per la pensione anticipata restano al centro del dibattito politico: la quota 100 sembra in deciso calo mentre si è fatta strada, prepotentemente, la soluzione dei pensionamenti flessibili con uscita dal lavoro a 62 anni (con 35 di anzianità contributiva) e penalizzazioni decrescenti.

Pubblicità
Pubblicità

I lavoratori, specie precoci, non possono far altro che attendere, nella speranza che la politica traduca in fatti ciò che ogni giorno dichiara. Cerchiamo, quindi, di fare il punto della situazione analizzando le prospettive per il futuro a noi più prossimo.

Prepensionamento a 62 anni e quota 100: due proposte per la pensione anticipata che si escludono tra loro

Abbiamo raccontato della quota 100 per mesi: l’idea, formulata dal deputato PD Cesare Damiano, aveva inizialmente raccolto consensi.

Con il tempo, però, è stata accantonata anche per via delle aperture del Governo Renzi verso i pensionamenti flessibili a 62 anni. Resta da valutare l’impatto del taglio che, nel DDL presentato dallo stesso Damiano, sarebbe dell’8% iniziale e si azzererebbe a 66 anni. Nei giorni scorsi sono circolate anche altre ipotesi come la decurtazione del 20% oppure il ricalcolo contributivo: paiono, però, avere poche possibilità perché danneggerebbero troppo i lavoratori.

Pubblicità

Sul punto si è espresso anche Beppe Grillo, con un post dal suo blog. Il principale esponente del M5S ha criticato il governo Renzi, accusandolo di voler “ricattare” i pensionandi ponendoli di fronte ad una scelta: pensione anticipata con assegno troppo basso oppure prosecuzione dell’attività lavorativa nelle eccessive rigidità imposte dalla Fornero.

Ultime notizie pensioni, previsioni per il futuro: Boeri farà una proposta entro l’estate?

In settimana, comunque, il presidente Inps Tito Boeri sarà ricevuto dalla Commissione Lavoro della Camera: nell’audizione, probabilmente, si parlerà proprio del prepensionamento a 62 anni per i precoci e delle altre vicende inerenti il tema pensionistico come la proroga dell'opzione donna.

L’economista bocconiano, appena giunto alla guida dell’Istituto di Previdenza Sociale, aveva promesso di presentare al Parlamento e al Paese una sua proposta entro l’estate, comprendente anche il reddito minimo per gli over 55. C’è da attendersi che essa arrivi, entro la fine di questo mese, fermo restando che spetta comunque al governo di dare l’input politico. E, per ora, oltre a generiche aperture, l’ordine sembra essere quello di attendere la Legge di Stabilità 2016.

Pubblicità

Leggi tutto