Nessun problema per il conguaglio sul modello 730 e il rimborso delle Pensioni previsto dal decreto varato dall'esecutivo dopo la sentenza della Corte costituzionale e già convertito in legge dello Stato dal Parlamento e per il conguaglio delle pensioni per il mese di agosto. L'Istituto nazionale per la previdenza sociale, a scanso d'equivoci, ha rassicurato oggi con una nota i pensionati sui conguagli da modello 730. L'Inps ha infatti ribadito nella nota quanto già aveva annunciato: il conguaglio sarà erogato ad agosto e, come del resto era stato ampiamente previsto, con la rivalutazione del "bonus Poletti" per la mancata indicizzazioni degli assegni pensionistici del 2012 e del 2013 a causa del blocco agli adeguamenti al costo della vita imposto dalla legge Fornero.

Inps: rimborso pensioni e conguaglio 730 in busta nel rateo mese di agosto 2015

Ma si sa che ogni novità genera confusione, in particolar modo sulle questioni pensionistiche spesso abbastanza complesse.

Pubblicità

Infatti sono stati in molti i pensionati a rivolgersi agli uffici e ai contatti telefonici e telematici dell'Istituto presieduto da Tito Boeri per avere delucidazioni in merito. In una nota, l'Inps, dopo aver spiegato che molte persone continuano a chiedere notizie relative al rimborso conguaglio delle pensioni visto che non hanno trovato la corrispondente cifra nel loro cedolino, specifica adesso che è già stata attivata un procedura urgente abbastanza complessa ma che sarà in grado di garantire l'erogazione dei conguagli tramite i cosiddetti "mandati aggiuntivi" rispetto a quelli con cui verrà corrisposto ai pensionati che hanno presentato la dichiarazione redditi entro il 20 luglio l'assegno pensionistico mensile di agosto 2015.

Gli importi dei conguagli, per questo motivo, non compaiono in questa fase sui cedolini delle pensioni in possesso dei pensionati in questo momento. L'Inps rammenta nella nota che con la pensione di agosto arriveranno in busta anche gli arretrati dell'indicizzazione in applicazione della nuova legge varata dopo la sentenza numero 70 della Consulta. I pensionati che attendono il rimborso non dovranno fare nessuna richiesta, quello che il premier Matteo Renzi ha impropriamente chiamato "bonus Poletti" sarà erogato dall'Inps in automatico.

Pubblicità

Queste alcune delle novità nel sistema previdenziale mentre si continua a parlare di riforma pensioni e di come revisionare la legge previdenziale del 2011 (la "Fornero") per aprire le porte della pensione anticipata ai sessantadueenni.