Pier Paolo Baretta, sottosegretario all'Economia, è convinto che 'l'uscita flessibile dal lavoro porta a dei vantaggi sia sociali che economici. In questa maniera si favorirebbe l'accesso nel mondo del lavoro da parte dei lavoratori più giovani. Non è necessario cancellare la riforma Fornero ma bisogna superare la rigidità della stessa. Dato che c'è la possibilità di lavorare fino a 70 anni, tramite una rivalutazione del trattamento pensionistico, perchè non consentire di uscire prima dal lavoro tramite una riduzione dell'assegno? Il tutto, però, con una penalità che sia equilibrata', parole apparse in un'intervista del quotidiano IlSole24Ore.

Pubblicità

I risparmi serviranno per risolvere la questione esodati

Questa flessibilità tanto auspicata porterebbe a notevoli risparmi, che consentirebbero di risolvere altre questioni, come quella degli esodati (sono circa 26mila le persone da salvaguardare) e quella del sostegno al reddito per chi versa in condizioni di disagio economico. I costi previsti per arrivare ad un sistema di uscita flessibile possono essere superati, dato che è praticamente impossibile che, nel corso del primo anno, i lavoratori richiedano un'uscita contemporanea dal lavoro.

Il governo Renzi vorrebbe applicare la proposta di Baretta, ma con una maggiore penalità

Lo stesso Baretta, nei giorni scorsi, era tornato sulla proposta da lui fatta, insieme a Cesare Damiano: 'La nostra proposta è molto chiara e da la possibilità di uscire dal lavoro a partire dai 62 anni, con una penalizzazione dell'8 percento; se, invece, si decide di lasciare il lavoro all'età di 63 anni, la riduzione dell'assegno sarà del 6 percento, fino ad azzerarsi al raggiungimento de 66 anni di età'.

Pubblicità

A quanto sembra, una delle ipotesi più care al Governo Renzi è quella di applicare il suddetto sistema ma, con un innalzamento della penalità. Infine, Baretta, relativamente alla prossima Legge di Stabilità, evidenzia la possibilità di arrivare ad una cancellazione della Tasi sulla prima casa. Vedremo nei prossimi mesi come il governo Renzi deciderà di affrontare la questione.