Periodo caldissimo non solo dal punto di vista meteorologico, ma anche sul fronte pensionistico, in questi giorni sia i lavoratori precoci quanto le lavoratrici donne stanno procedendo sul web col pressing nei confronti del Governo per rivendicare i propri diritti e richiedere con forza: quota 41 i primi e la proroga dell'Opzione donna al 31/12/2015 le seconde. Per la leader di Cgil la pensione anticipata dovrebbe essere concessa dopo un certo numero di anni contributivi indipendentemente dall'età anagrafica del richiedente. I dettagli.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo le parole della Camusso quota 41 più vicina? 

Le ultime novità al 6 agosto paiono essere rincuoranti su entrambi i fronti. La Camusso, intervenuta nel corso del videoforum su Repubblica tv, ha assicurato il proprio appoggio ai precoci. Ha affermato, infatti, di essere completamente favorevole alla quota 41 proposta da Damiano nel ddl 857, meno invece alla flessibilità a fronte di una penalizzazione.

Pubblicità

Per la leader della Cgil la pensione anticipata dovrebbe essere concessa dopo un certo numero di anni contributivi indipendentemente dall'età anagrafica del richiedente, totalmente contraria alla proposta di Boeri sul ricalcolo contributivo che creerebbe nuovi poveri.

Opzione donna: Boeri pronto al sì, Mef ancora propenso al no

Boeri nell'incontro tenutosi martedì 4/8 in Commissione Lavoro alla Camera, come riporta PensioniOggi, si è detto favorevole alla proroga dell'Opzione donna così come Poletti e Damiano. Le circolari Inps potrebbero essere presto riviste tutte le parti si ritroveranno di nuovo allo stesso tavolo venerdì a partire dalle 9.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Il fine sarà quello di comprendere se si riuscirà a concedere la pensione anticipata a 57 anni almeno fino al 31/12/ 2015 come stabilito inizialmente dalla legge 243/ 2004. Unico ostacolo parrebbe essere il Mef ancora convinto della validità della restrizione delle circolari 35/37 del 2012 che hanno ridotto di oltre un anno i tempi utili per poter accedere al regime sperimentale dell'Opzione donna.

Le lavoratrici dal canto loro non si arrendono e unite nel 'Comitato opzione donna' proseguono col pressing nei confronti dell'esecutivo al fine di ottenere la proroga fino alla fine del 2015. A queste fanno eco le lavoratrici più giovani, unitesi nel gruppo Facebook 'opzione donna proroga al 2018' , che rimarrebbero comunque escluse dalla legge del 2004 e che sperano vengano presi in considerazione i ddl presentati dalla Lega (ddl 1843) e del Movimento 5 Stelle (ddl 3114) che hanno proposto di prolungare la c.d opzione contributivo donna al 2018.

Pubblicità

Riusciranno i lavoratori precoci e le donne nella prossima legge di stabilità a raggiungere i loro obiettivi? Quota 41 e la proroga dell'Opzione donna verranno finalmente concessi? Per le donne la svolta forse potrebbe già giungere il prossimo venerdì, vi terremo aggiornati.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto