"Si rileva un incremento consistente nel peso della componente anzianità e anticipate, nei primi 9 mesi del 2015 rispetto all'anno 2014, sia nel fondo Pensioni lavoratori dipendenti, sia nelle gestioni dei lavoratori autonomi". Ad affermarlo è l'Inps attraverso una nota diffusa dall'istituto e ripresa da Reteurs e dalle principali agenzia stampa del Paese. Nel particolare, l'entedi previdenza pubblico ha erogato finora più di 109.000 nuovi trattamenti di quiescenza, con un moltiplicatore di 2,5 nel trend di crescita delle richieste di pensionamento rispetto allo scorso anno.

Tutto questoancora senza tener contro dei dati del quarto trimestre 2015, che risultano attualmente in fase di raccolta.Lo scenario appare comunque ben definito epuò diventare utile per effettuare un'approfondita riflessionesugli attuali meccanismi di funzionamento del sistema previdenziale, soprattutto in relazione ai risultati prodotti dallerecenti riforme.

Pensioni Inps, richieste di uscite anticipate e di vecchiaia legate alla legge Fornero

Stante la situazione, appare chiaro che molte delle richieste di pensionamento (legate sia a meccanismi di vecchiaia che alla possibilità di fruire di prepensionamenti) sono legate alla stretta attuata tramite la legge 214 del 2011, meglio conosciuta anche come riforma Monti - Fornero.

Va notato infatti che l'improvviso aumento tanto dei requisiti anagrafici quanto di quelli contributivi utili per ottenere la pensione, ha di fatto creato una situazione di stallo per moltissimi lavoratori, che hanno dovuto rimandare al futuro il proprio ingresso nelle tutele dell'Inps. Proprio questo gradino sta ora contribuendo all'aumento rilevato nel monitoraggio dell'istituto previdenziale, visto che ilavoratori in precedenza rimasti bloccati cominciano a maturare effettivamente il diritto alla quiescenza.

Anche per questo il testo istituzionale diffuso al pubblico specifica proprio che "nel 2015 un numero consistente di soggetti ha potuto raggiungere la maggiore anzianità richiesta per questo tipo di trattamento".

Come da prassi, restiamo disponibile a pubblicare i vostri commenti qualora desideriate farci conoscere la vostra opinione sui dati che vi abbiamo riportato all'interno del nostro articolo.

Mentre per ricevere tutte le prossime notizie riguardanti il campo della riforma previdenziale vi ricordiamo la possibilità di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo.

Segui la nostra pagina Facebook!