Arrivano nuove dichiarazioni da parte del Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano, in merito ai provvedimenti di flessibilità previdenziale inseriti dal Governo nella legge di stabilità 2016. In particolare, sarebbe fortemente critica la posizione assunta in relazione alla mancanza di un vero provvedimento di apertura alle pensioni anticipate per coloro che sono in età avanzata e che rischiano di cadere nella povertà a causa della mancanza di reddito. "La nostra valutazione è negativa" spiega l'esponente della minoranza Dem, riferendosi alla decisione di garantire il riavvio della staffetta generazionale concentrandosi esclusivamente sull'introduzione di un part time agevolato, previo accordo con tra lavoratore e azienda.

"Dopo tanti annunci dello stesso Renzi, manda deluse molte aspettative", vistoche molti lavoratori non potranno effettivamente beneficiare di questo nuovo intervento e continueranno ad essere esclusi dall'accesso agevolato all'Inps.

Riforma pensioni: i commenti di Damiano sul tema delle salvaguardie

Stante la situazione, è chiaro che le premesse per un buon intervento correttivo secondo l'On. Damiano restano quelle già presenti all'interno delle proposte inviate al Governo. Si tratta della cosiddetta pensione anticipata con Quota 97 e penalizzazione massima dell'8%, che permetterebbe uno scivolo già a partire dai 62 anni di età.

Mentre per i lavoratori precoci si è pensato ad un meccanismo senza penalità a partire dai 41 anni di versamenti. Unica nota positiva arriva invece dalle salvaguardie per opzione donna e per gli esodati. "Noi continueremo la nostra battaglia [...] sulla settima salvaguardia la soluzione è positiva". Mentre sul frontedelle lavoratrici "non condividiamo il fatto che si sia resa necessaria una copertura finanziaria, trattandosi di correggere una circolare dell'Inps.

Inoltre, la cifra di 2 miliardi di euro, come indicato dall'Inps per una platea di 36000 donne coinvolte è, a nostro avviso, esagerata". Motivo per il quale l'On. Damiano intende chiedere un monitoraggio, al fine di consentire l'utilizzo di eventuali avanzi di postaper tutelare i soggetti esclusi dalle attuali salvaguardie.

E voi, cosa pensate delle dichiarazioni che vi abbiamo appena riportato in merito alla legge di stabilità 2016?

Fateci avere il vostro riscontro tramite l'aggiunta di un nuovo commento nel sito, mentre per restare aggiornati su tutte le prossime novità in tema di riforma pensionistica vi suggeriamo di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!