I docenti che entrano a lavorare nella Scuola, possono essere assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato, in entrambi i casi i docenti possono usufruire di una serie di permessi retribuiti. Nello specifico vorremmo proporvi un elenco dettagliato dei permessi previsti per gli insegnanti che lavorano nella scuola statale.

Permessi retribuiti e retribuzioni attività aggiuntive di insegnamento: ecco i dettagli

Nel corso di ciascun anno scolastico il personale scolastico, hanno diritto ad alcuni permessi retribuiti, che sono di 8 giorni per la partecipazione a concorsi ed esami, 3 giorni per motivi personali o familiari (i giorni aumentano a 6 nel caso di contratto a tempo determinato), 3 giorni al mese per l'assistenza a persone diversamente abili; 3 giorni in caso di lutto e infine 15 giorni in caso di matrimonio.I permessi brevi, per un massimo di due ore giornaliere, sono destinati sia al personale di ruolo che ai supplenti.

Inoltre, per gli insegnanti che desiderano volontariamente svolgere ore aggiuntive di insegnamento, per realizzare attività previste nel Pof, riceveranno una retribuzione maggiore in busta paga, variabile in base alle ore di insegnamento. Le ore di insegnamento aggiuntive vengono così retribuite:

  • € 35,00 per ogni ora di insegnamento;
  • € 17,50 per ogni ora di attività funzionali all’insegnamento;
  • € 50,00 per ogni ora di insegnamento in attività di recupero per alunni con debito formativo scuola media superiore.

Il personale disponibile a svolgere le attività e gli incarichi aggiuntivi viene retribuito con il Fondo di istituto.

Infine vorremmo darvi alcune informazioni sulle ferie previste per i docenti che risultano essere per ilpersonale assunto a tempo indeterminato con una anzianità non superiore ad anni 3 ha diritto a 30 giorni lavorativi all’anno. Il personale assunto a tempo indeterminato con una anzianità superiore ad anni 3 ha diritto a 32 giorni lavorativi all’anno. Per restare aggiornati sul mondo della scuola, vi invitiamo a premere il tasto segui.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!