Dopo mesi di silenzio, si torna a parlare in televisione in maniera consistente della Riforma Pensioni. Le ultime news di oggi 7 ottobre su lavoratori precoci, esodati e sulle altre problematiche inerenti la flessibilità in uscita arrivano proprio da due programmi televisivi molto seguiti in casa rai: Ballarò e Mi manda Rai 3. Nel primo, Elsa Fornero è intervenuta per difendere il lavoro svolto dal Governo Monti, litigando anche con Barbagallo e Travaglio presenti in studio. Nel secondo invece, bell'intervento di Cesare Damiano, a favore dei precoci e della ormai famosa quota 41.

Pubblicità
Pubblicità

Pensioni oggi 7 ottobre 2015, ultime news: parla Elsa Fornero a favore dei precoci

Le ultime sulle pensioni di oggi come dicevamo arrivano direttamente da Ballarò, programma in cui ieri sera è stato mandato in onda un servizio sui pensionati che vanno a vivere in Romania dove la vita costa meno. In seguito è intervenuta in collegamento l'ex Ministro del Lavoro Elsa Fornero, che ha ribadito l'importanza della riforma sulle Pensioni che prese il suo nome: "Non fu inutile, se oggi stiamo meglio forse in parte è anche per quella".

Pubblicità

Dopo qualche scaramuccia con il segretario Uil Barbagallo, la Fornero risponde a Giannini che le chiede come interverrebbe nella riforma pensionistica oggi, se fosse ancora ministro. La Fornero risponde a sorpresa che "bisogna porsi problema dei lavoratori precoci, magari è possibile reintrodurre qualche forma di flessibilità", e poi che "sugli esodati dopo 4 anni i conti non sono ancora precisi"

Ultime Pensioni Precoci oggi, Damiano ribadisce l'importanza di quota 41

Come dicevamo in apertura anche a Mi Manda Rai 3 si è parlato di Pensioni, con l'intervento del presidente della commissione Lavoro alla Camera Cesare Damiano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

Nel dibattito sulla terza rete Rai Damiano spiega che ad oggi i lavoratori precoci non sono ancora molti, e che spesso si sono ritrovati a svolgere lavori manuali fin da tenera età. Per questi motivi Damiano ribadisce la necessità di quota 41 dando a questi "lavoratori stanchi, un'uscita morbida" evitando le penalizzazioni visto che la pensione per i precoci "Non è  un privilegio, perché si tratta di persone che seppur giovani hanno già lavorato una vita". Chiusura chiara, che non lascia spazio a inventive: "Noi crediamo che 41 anni sia l'asticella giusta su cui porre il limite contributivo". E Voi?

la pensate come Damiano? Fateci sapere la vostra nei commenti qui sotto, dicendoci cosa ne pensate, e se volete esser aggiornati con le ultime sulle pensioni e sui precoci, cliccate segui in alto vicino al titolo"

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto