Dopo il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che autorizza il bando di concorso per 63712 docenti, si attende decreto per le prove, che il Ministro Giannini ha fatto sapere, tramite la sua pagina Facebook, che firmerà nei prossimi giorni. Ciò a smentire le indiscrezioni circolate nei giorni scorsi secondo le quali il concorso, nel 2016, non si sarebbe più fatto. Le prove ricordiamo saranno tre: una per infanzia e primaria (prova pre selettiva di 60 quesiti), una per la secondaria di I e II grado e una per il sostegno.

Vediamo ulteriori dettagli.

Concorso docenti: dimezzati i posti sul sostegno

Il bando di concorso per docenti è atteso con impazienza da migliaia di docenti, sebbene i posti disponibili previsti dal DPCM di autorizzazione al bando di concorso risultano essere 63712, di cui 52828 sono da attribuire ai posti comuni, 5766 posti ai posti di sostegno e 5118 ai posti di potenziamento. Dal DPCM salta subito agli occhi il dimezzamento dei posti di sostegno rispetto ai 10900 annunciati dal sottosegretario Faraone.Ci chiediamo come saranno calcolati i 5mila posti dell'organico potenziato all'interno dei bandi e soprattutto su quali classi di concorso, essi riguarderanno le richieste effettuate dalle scuole?

Intanto i docenti abilitati sul sostegno lamentano ipochi posti a disposizione, così come stabilito dal DPCM 24 dicembre 2015, appena 5776che, tra l'altro, dovranno essere suddivisi tra i 4 ordini di Scuola. Ricordiamo che a rallentare il lavoro del Miur nell'emanazione del bando di concorso è stata lariforma delle classi di concorso, operazione da non effettuare in soli quindici giorni. Stando agli ultimi aggiornamenti si stima che una data presumibile di emanazione del bando di concorso docenti, possa avvenire intorno a metà del mese di gennaio.

Intanto il Ministero dalla sua pagina Facebook fa sapere che l'impegno sarà mantenuto e che la prima prova del concorso si svolgerà in primavera, per poter avere a settembre le prime assunzioni come si come previsto dalla legge della Buona Scuola.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!