Arrivano nuove dichiarazioni dal Presidente della Banca d'Italia Ignazio Visco in merito al sistema previdenziale pubblico e privato attualmente in vigore nel Bel Paese. "Grazie all'azione di riforma in corso da anni, i sistemi previdenziali sono già oggi molto più in grado di fronteggiare le tendenze demografiche che si prospettano" ha spiegato il Governatore, durante il proprio discorso tenuto in occasione del conferimento di una laurea ad honoris presso l'Università di Trieste. Una conferma che appare importante visto che l'Inps si trova ad affrontare una sfida notevole nei prossimi anni, considerando che la popolazione italiana è una di quelle caratterizzata da maggiore intensità di invecchiamento.

A tal proposito, Visco spiega che questo scenario non deve necessariamente rappresentare una fonte di preoccupazione: "l'invecchiamento non è di per se un processo negativo: richiede però di lavorare di più , in più e più a lungo".

Riforma pensioni, direzione giusta quando si ricerca lasostenibilitàdel sistema

Stante la situazione, l'idea di perseguire la "sostenibilità del regime pensionistico è comunque un passo essenziale per poter puntare ad assicurare l'adeguatezza delle prestazioni e l'estensione della copertura previdenziale" ai cosiddetti lavoratori che vivono situazioni di disagio, come avviene per i disoccupati in età avanzata o per coloro che percepiscono paghe basse.

Non è mancato infine un accennoalla questione dellaprevidenza complementare, per la quale sono statiindicati alcuni fattori di resilienza. "Gli aderenti a uno schema pensionistico devono potersi proteggere da forti ribassi dei mercati finanziari". Secondo Visco questo risultato può passare attraverso la scelta di strumenti finanziari a tasso fisso o il ricorso a sistemi di life cycle, tenendo però presente cometale indirizzo di gestione comporti dei costi sui rendimenti che è possibile ottenere nel lungo periodo.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento in merito alle ultime dichiarazioni che vi abbiamo riportato. Se invece desiderate ricevere tutte le prossimenotizie di aggiornamento in merito al tema delle pensioni vi suggeriamo di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!