Mentre in Parlamento siamo arrivati ormai alle battute finaliriguardanti la legge di stabilità, arrivano nuove dichiarazioni dal Presidente della Commissione lavoro alla Camera sulla necessità di arrivare ad una maggiore flessibilizzazione nelle regole di accesso all'Inps durante il prossimo anno. "Dobbiamo individuare adesso gli obiettivi per il 2016" spiega l'On. Cesare Damiano. L'esponente della minoranza Democratica vede le misure relative ad esodati e opzione donna approvate in legge di stabilità come "un importante passo avanti", ma spiega che non possono ritenersi esaustive.

"La battaglia decisiva per il prossimo anno sarà la flessibilità delle Pensioni". Riguardo invece a quanto già approvato, bisognerà verificare l'andamento delle uscite con opzione donna tramite l'apposito monitoraggio, in modo da destinare le risorse inutilizzate all'ampliamento delle azioni di pensionamento anticipato.

Riforma pensioni, torna in auge la quota 97 e l'uscita per i precoci con 41 anni di età?

Nel frattempo tornano ancora una volta in auge le proposte già inviate dalla Commissione lavoro alla Camera al Governo, in merito all'azione di flessibilizzazione nell'accesso all'Inps. Per i lavoratori precoci si chiede di prevedere un meccanismo di uscita con 41 anni di versamenti indipendentemente dall'età raggiunta.

Una richiesta che tra l'altro è stata rimarcata a gran voce anche dai diretti interessati, ovvero dai lavoratori in età avanzata che non riescono ad andare in pensione a causa dei criteri decisi con la legge Fornero. Per gli altri pensionandi, si ripropone ancora una volta l'idea della quota 97, che dovrebbe garantire di ottenere la quiescenza "in modo flessibile, a partire dai 62 anni di età".

Al criterio anagrafico bisogna poi aggiungere almeno 35 anni di versamenti e il 2% di penalizzazione per ogni anno di anticipazione. "Noi tutti lavoreremo affinché nel 2016 il tema della flessibilità diventi centrale" conclude l'On. Damiano.

Come da nostra prassi, restiamo disponibili qualora desideriate pubblicare e condividere con gli altri lettori le vostre idee e opinioni in merito alle vicende che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordiamo di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.