Stanchi di essere criticati per le posizioni spesso discutibili in ordine alla riforma scolastica, non ultima la decisione di ospitare Faraone il prossimo 25 gennaio a Palermonell'ambito della formazione dei docenti sul sostegno, o più probabilmente allarmati per il calo vertiginoso di tesserati dopo lo sciopero del 25 maggio, dalle stanze della FLC CGIL si leva la voce in favore dei precari esclusi dalla stabilizzazione. E così, dalle pagine web del sito della FLC CGIL esce un comunicato che invoca il piano pluriennale di assunzioni per i precari, il cavallo di battaglia di Silvia Chimienti del M5S.

Una legge iniqua

Il giudizio sulle esternazioni del segretario della FLC CGIL è ovviamente riservato a coloro che vorranno esprimere la propria opinione, limitandoci in questa sede a riferire le parole di Domenico Pantaleo, che del sindacato rammenta l'operato relativamente al ricorso proposto al TAR per l'ingiusta esclusione dal piano di assunzioni che avrà udienza a maggio. Fermo restando la validità di una selezione concorsuale per l'accesso al ruolo nel settore dell'Istruzione, si chiede come sia possibile conciliarla con la chiamata diretta dei dirigenti scolastici introdotta dalla legge 107.

Si condanna la deriva che ha portato a creare docenti precari usa e getta per mere esigenze di bilancio cui la 107 non pone affatto riparo.

Il piano pluriennale della FLC CGIL

La riforma scolastica sta mostrando tutte le sue ristrettezze di vedute e la mancanza di lungimiranza da parte dell'esecutivo cui invano la FLC CGIL aveva messo in guardia per gli effetti negativi che avrebbe riportato a cascata sulle varie categorie di docenti.

Da due anni si chiedeva, sottolinea Pantaleo, un piano pluriennale di assunzioni, unico rimedio atto a trovare una risposta vera e profonda al problema del precariato scolastico. Serviva un piano pluriennale di immissioni in ruolo che esaurisse effettivamente le Gae e desse la possibilità di accedervi a coloro che oggi rimangono confinati nelle Graduatorie di Istituto di II e III fascia.

Segui la nostra pagina Facebook!