Ieri 11 gennaio era previsto un tavolo al Ministero dell'Istruzione con i sindacati del settore Scuola per quanto riguarda la mobilità dell'anno scolastico 2016/17. In pratica si è trattato di un rinvio ad oggi, con il Ministero che si è riservato di dare delle risposte alle nuove questioni sollevate dai sindacati.

Le richieste dei sindacati

Le organizzazioni sindacali, dopo aver ricevuto delle rassicurazioni sugli argomenti trattati nelle settimane di contrattazione precedenti, hanno fatto delle nuove richieste ai tecnici del Ministero:

  • Superare tutte le disparità, a partire dal contratto collettivo nazionale di lavoro delle mobilità 2016/2017, create sulla base della diversa modalitàdi assunzione da parte della pubblica amministrazione, facendo modo che tutti i docenti possano parteciparealle fasi di mobilità con il loro effettivo punteggio;
  • Rivedere le ingiustizie create in termini di mobilità da parte della legge 107 del 13 luglio 2015;
  • Eliminare dal testo del contratto collettivo la possibilità di chiamata diretta da parte dei dirigenti scolastici perchè creano disparità tra i docenti e non rispettano tutti i principi di trasparenza e imparzialità che una pubblica amministrazione dovrebbe avere;
  • Regolare con oggettività e trasparenza l'assegnazione dei lavoratori che non hanno ottenutola titolarità.

Sull'ultimo punto c'è stata un'apertura da parte dell'amministrazione e verrà verificato nel corso delle prossime settimane di contrattazione.

Per quanto riguarda l'eliminazione della chiamata diretta, le organizzazioni sindacali la considerano un punto fermo e non negoziabile della contrattazione.

La riunione è aggiornata al pomeriggio del 12 gennaio

Il tavolo sulla contrattazione è stato rimandato ad oggi pomeriggio. In particolare verranno affrontate alcune parti cruciali di tutta la trattativa, la prima e la seconda fase, su cui però, è stata già raggiunta un'intesa di massima che le organizzazioni sindacali reputano soddisfacente perchèrestano da perfezionare soltanto alcuni dettagli.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!