Con il Jobs Act e con il successivo decreto sul riordino degli ammortizzatori sociali, i sussidi per persone che hanno perso involontariamente il lavoro, hanno avuto un profondo restyling. Sparite le vecchie indennità di requisiti ridotti, ASPI e così via, sembra evidente che i cambiamenti non hanno portato i miglioramenti sperati, anzi. La Naspi che penalizza, sulla durata, alcune categorie di lavoratori (stagionali, domestici ecc.) e che nel tempo si riduce di importo fino a diventare davvero irrisoria, ha provocato le nascite di comitati e gruppi di protesta in tutta Italia.

Per l’altro nuovo sussidio, l’ASDI, la situazione è anche peggiore.

Percepire l’ASDI è difficilissimo

L’ASDI è nato per dare un ulteriore aiuto ai soggetti che dopo aver percepito la NASPI per l’intera durata, erano rimasti ancora senza lavoro. Senza dubbio, l’idea che ha spinto i legislatori a prevedere questo ennesimo sussidio di disoccupazione è sicuramente apprezzabile. Il problema però è che i requisiti necessari che un disoccupato deve avere per percepire l’ASDI, lo rendono un miraggio per molti.

Il nuovo sussidio è partito ufficialmente il giorno 11 gennaio 2016, la data a partire dalla quale è possibile presentare istanza. Un primo requisito restrittivo è quello della data di licenziamento. Infatti possono presentare domanda quelli che hanno perso il lavoro dopo il 1° maggio 2015 e che hanno terminato l’incasso della NASPI entro il 31 dicembre 2015. In parole povere, tutti quelli che hanno perso il lavoro prima e che percepivano ancora i vecchi sussidi di disoccupazione (ASPI, Ordinaria e Requisiti Ridotti), o quelli che stanno ancora incassando la NASPI, in questi primi mesi del 2016, sono tagliati fuori.

Inoltre, dal punto di vista reddituale, è necessario che il disoccupato, sia in particolari condizioni di disagio. Quindi, possono presentare domanda quelli con un ISEE del nucleo familiare inferiore a 5.000 euro, oppure con un minore a carico o ancora se di età superiore a 55 anni. Se a questo, aggiungiamo che l’ASDI non spetta ai lavoratori pubblici ed agli agricoli che perdono l’occupazione, la platea dei possibili beneficiari è davvero ristretta.

Ma allora a chi spetta?

In definitiva, possiamo dire che la ASDI sembra fatta su misura di un lavoratore stagionale, cioè quelli che hanno lavorato pochi mesi nel 2015 e che si sono visti assegnare pochi mesi di NASPI. Infatti, un requisito davvero particolare è quello che prevede l’assegnazione del sussidio a coloro che negli otto mesi di tempo che intercorrono tra il 1° maggio ed il 31 dicembre del 2015, hanno lavorato, perso il lavoro e percepito la Naspi per intero.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Bisogna anche ricordare che la ASDI prevede la concessione di un importo pari al 75% di quanto percepito con la NASPI. Il vincolo comunque è quello che il sussidio non può essere superiore a 448,06 euro, che è l’importo dell’assegno sociale in vigore oggi. Sono previste però maggiorazioni di importo per coloro che hanno figli a carico. La durata di questo nuovo sussidio poi è stabilita nel limite massimo di 6 mesi.

Questo sussidio è stato avviato in fase sperimentale, e se oggi i requisiti sono stringenti, in futuro già è prevista una ulteriore stretta, se è vero che già dal 2016 si inserirà il vincolo che chi ha già percepito la ASDI nei 12 mesi precedenti una nuova disoccupazione, non potrà ripresentare domanda.

Segui la nostra pagina Facebook!