Sembra alzarsi in vista dell'estate il clima dello scontro tra governo e sindacati sulla riforma Pensioni nonostante l'apertura del tanto atteso tavolo di confronto che però non ha ancora portato i risultati sperati. E' durissimo il giudizio del leader della Cgil a proposito dell'Anticipo Pensionistico (Ape) su cui sta lavorando il Governo Renzi. Così come quello della Uil di Carmelo Barbagallo che chiede di intervenire con urgenza per ridurre le tasse sulle pensioni.

Anticipo Pensionistico, il leader della Cgil all'attacco del Governo Renzi

"L'Ape - ha detto Susanna Camusso - è un mutuo sulla pensione. Questo vuol dire - ha aggiunto il segretario generale della Cgil contestando l'Anticipo Pensionistico di Renzi - che stai giocando sulla disperazione di chi non ce la fa più. Non mi sembra - ha sottolineato nel corso di un intervento a Huffpost live - un gran modo di governare". La Cgil boccia senza se e senza ma l'ipotesi del prestito pensionistico ventennale per una serie di ragioni, Intanto "non ci piace perché - ha detto Susanna Camusso - un elemento diseguale".

Secondo il leader della Cgil l'Ape di Renzi "non affronta il cuore del problema - ha detto riferendosi alla flessibilità in uscita dal lavoro per l'accesso alla pensione anticipata - perché non si sta sull'impalcatura a 67 anni".

Pensioni, Boeri al Governo: servono passi avanti sulla ricongiunzione onerosa

Intanto, la Uil sollecita la riduzione delle tasse sulla previdenza. "E' indispensabile - hanno sottolineato in una nota Domenico Proietti e Romano Bellissima - un taglio delle tasse ai pensionati.

In Europa - hanno spiegato il dirigente confederale della Uil e il leader della Uil Pensionati - l'aliquota media è pari al 12,66 percento, in Italia invece è invece al 21 percento". Un nuovo capitolo nel quadro del dibattito sulla riforma pensioni è stato aperto ieri dal presidente dell'Istituto nazionale per la previdenza sociale. "Bisogna fare dei passi avanti - ha detto il Tito Boeri durante un videointervento alla Bocconi - sulla ricongiunzione onerosa".

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!