Dopo la disfatta elettorale del PD alle elezioni comunali, sembra sempre più di essere già in campagna elettorale e il M5S ha già lanciato una piattaforma piuttosto articolata su come intenderebbe riformare il mondo della Scuola qualora arrivasse al governo. Il rapporto tra PD e insegnanti sembra essersi incrinato, nonostante le assunzioni, il bonus di 80 euro e quello dei 500 euro per l'aggiornamento. I Cinque Stelle sembrano essere consapevoli che, se Renzi dovesse perdere il referendum, si andrebbe immediatamente a elezioni anticipate e così sta già lavorando al programma 'elettorale'. Ecco qual è la piattaforma intorno alla quale si starebbe lavorando all'interno del M5S per riformare la scuola e cancellare una serie di norme connesse alla 'Buona Scuola'.

Il programma del M5S di riforma della scuola

La riforma della scuola targata M5S dovrebbe consistere, stando alle ultime dichiarazioni, di sette punti fondamentali:

  • edilizia scolastica: la questione si affronterebbe con un fondo annuale (e della durata di tre anni) di 591 milioni di euro per la messa a norma degli edifici e per l'abbattimento delle barriere architettoniche
  • assunzioni: piano quinquennale con il quale entrerebbero di ruolo tutti i docenti presenti ancora nelle GaE e tutti gli insegnanti della II fascia delle Graduatorie d'Istituto (quelli esclusi dalla 'Buona scuola' e che stanno svolgendo il concorso scuola)
  • diritto allo studio: un piano triennale di finanziamento con aumento dei fondi delle quote annuali
  • classi-pollaio: il totale di allievi per ogni singola classe non potrà essere superiore a 22 unità
  • innovazione: insegnamento della lingua inglese sin dalla scuola dell'infanzia e incremento della multimedialità con materiali gratuiti per gli allievi
  • scuole private: stop definitivo a ogni forma di finanziamento delle scuole private secondo quanto prevede l'articolo 33 della Costituzione mai realmente applicato
  • integrazione scolastica: introduzione di 'discipline' come l'educazione all'affettività e alla sessualità per combattere bullismo e discriminazione

Per aggiornamenti, cliccate su 'Segui' in alto sopra l'articolo.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!