L'anzianità dei docenti verrà messa a margine. Così si darà il benvenuto alla 'chiamata diretta per certificazione', ribattezzata così dal personale docente, sempre più in guerra contro il governo per la procedura che riguarderà lo spostamento degli insegnanti dagli ambiti territoriali.

Ciò che più preoccupa, naturalmente, sarà l'impossibilità di verificare la correttezza delle scelte che verranno effettuate dai dirigenti scolastici per cui, per assurdo, un docente, con poca o nessuna esperienza ma in regola con i requisiti richiesti, potrebbe ricevere la proposta di incarico triennalea scapito di un collega con meno requisiti dichiarati ma eccellente nell'insegnamento di quella determinata materia.

Ultime news scuola, domenica 24 luglio: Flc-Cgil 'Indebolito potere democratico organi collegiali'

Ne ha parlato Domenico Pantaleo, segretario nazionale della Flc-Cgil, nel corso di un'intervista rilasciata a Tecnica della Scuola.Pantaleo parla, senza mezzi termini, di indebolimento del potere democratico degli organi collegiali della scuola: il punteggio non avrà più alcun valore o quasi ed occorre tenere conto che la scelta dei requisiti che ciascun docente dovrà soddisfare non sarà soggetta ad alcuna regola.

Pantaleo: 'Colloquio dirigente scolastico-docente anche online per aumentare discrezionalità'

C'è poi la questione legata al colloquio, dove Pantaleo sottolinea come questo potrà avvenire persino online, anche via Skype: così, il docente che dovesse venire convocato dalla scuola per un colloquio, potrà gentilmente rendere nota al dirigente scolastico la propria impossibilità nel recarsi 'fisicamente' al colloquio prefissato.

Nessun problema, il Miur autorizzerà i capi d'istituto a 'colloquiare' con il docente anche attraverso Skype: del resto, si parla tanto di scuola 'digitale' e allora perchè non introdurre la tecnologia anche nel reclutamento dei docenti?

Chiamata diretta, nuova 'farsa' dopo il bonus: 'No al governo manifestato con referendum e voto'

'Dopo la farsa del bonus valutazione' fa presente Pantaleo 'siamo arrivati a quella relativa alla chiamata diretta. Si tratta di scelte in grado di provocare solo rabbia, rancore e divisioni all'interno del personale scolastico. Il governo, con il suo operato, non ha fatto altro che continuare l'attuazione delle politiche dell'ex ministro Gelmini e il dissenso della scuola è stato chiaramente manifestato in occasione del voto delle amministrative e dai due milioni di firme raccolte per il referendum.'

Flc-Cgil conferma, infine, il massimo impegno per contrastare, nei prossimi mesi, la chiamata diretta che va a calpestare i diritti e la dignità professionale dei docenti.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!