Con la legge numero 107/2015 la formazione dei docenti è ormai obbligatoria. Il Piano Nazionale di Formazione è adottato ogni tre anni e le attività di formazione devono essere messe in atto in base alle priorità del piano e in coerenza con PTOF e PdM.Ancora il Piano Nazionale non è stato pubblicato ma il Miur ha pubblicato una nota anticipando le indicazioni così da poter mettere in pratica gli aspetti organizzativi.

Le priorità previste dal Piano Nazionale

Diverse sono le priorità previste dal Piano che presto il Miur pubblicherà.

In particolare emergono diverse aree che sono stilate in base alle esigenze della Scuola e crescita professionale. Tra gli obiettivi prioritari emergono i seguenti:

  • Autonomia organizzativa e didattica
  • Competenze digitali elingua straniera
  • Inclusione e Disabilità
  • Scuola e Lavoro
  • Valutazione e Miglioramento
  • Coesione Sociale e prevenzione disagio giovanile
  • Integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale

Tutte queste aree vanno a definire un ambito di formazionededicato principalmente ai docenti.I docenti sono obbligati alla formazione ma ciò non significa che debbano svolgersi un numero tot di ore all'anno.

Ogni attività di formazione e le ore devono essere in coerenza con il Piano.

Ogni azione di formazione sarà articolata in Unità Formative che dovranno indicare la struttura del percorso. Esse potranno essere organizzate dalla scuola, da enti accreditati Miur o anche dall'amministrazione. Le attività formative potranno essere sviluppati dalle reti tra scuole che saranno gestite dalla scuola-polo che viene individuata all'interno della rete stessa.

La scuola-polo inoltre dovrà occuparsi anche dei problemi amministrativi e contabili fungendo da tramite tra la rete di scuole e l'USR. Il compito dell'USR sarà quello di favorire la progettazione interfacciandosi con le scuole. Al link che vi proponiamo di seguito è presente il pdf su cui è possibile leggere la nota integrale fornita dal Miur:http://www.istruzione.it/allegati/2016/prot2915.pdf.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!