Non prendiamoci in giro, la verità è un'altra, una verità tutta politica. Così, i #nastrinirossidocenti pugliesi, abruzzesi e campani hanno scritto in una lettera pubblicata dal sito specializzato Orizzonte Scuola in cui si fa riferimento alle recenti dichiarazioni sugli insegnanti, rilasciate dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi in cui vengono definiti 'Preziosi agli occhi delle istituzioni'.

Ci si chiede come si possa fare bene ed essere soddisfatti del proprio lavoro quando si è costretti a lavorare lontano da casa.

'Ci metteremmo l'anima in pace se posti non ve ne fossero stati al Centro Sud', ma il paradosso sta proprio qui, perchè le cattedre ci sono!

Ultime news scuola, domenica 18 settembre 2016: nastrini rossi 'Non è vero che i posti non ci sono'

La prova evidente è rappresentata dai numerosissimi posti in deroga sul sostegno e dai posti dell'organico di fatto, l'integrazione delle cattedre concesse ogni anno dagli Uffici Scolastici Regionali per soddisfare le esigenze delle scuole. E allora bisogna dire le cose come stanno e non cercare di nascondere la verità, perchè, tanto per fare un esempio, nella sola regionePuglia i docenti 'deportati' sono ben 3200 ma in Regione stanno per essere assegnate oltre quattromila posti.

E allora non è vero che bisognerebbe ribaltare la geografia, come ha recentemente dichiarato il ministro Giannini, e non è vero che gli insegnanti del Sud sono troppi: semmai è vero il contrario, ovvero che sono troppo pochi.

Mobilità docenti ultime notizie: nastrini rossi 'Davvero siamo così preziosi?'

'Noi per primi abbiamo confidato nelle istituzioni partecipando al piano assunzionale' scrivono i #nastrinirossidocenti 'e allora adesso lo Stato ha il dovere di correggere queste anomalie.

In questa situazione, e contrariamente a quanto affermato dal premier Renzi, 'ci sentiamo davvero poco preziosi', visto che non possiamo sentirci gratificati da uno stipendio di soli 1300 euro al mese, da un contratto bloccato oramai da diversi anni e quando non è stato previsto nessun incentivo per i docenti che non potranno rientrare. 'Non ci viene chiesto di vivere ma di sopravvivere' concludono i #nastrinirossidocenti che si chiedono come si possa essere così 'preziosi'...

Segui la nostra pagina Facebook!