Torniamo ad aggiornare la nostra rubrica “Parola ai Comitati” con una nuova intervista all'On. Roberto Simonetti(LN), Segretario della Commissione Lavoro alla Camera, in merito al caso dell’opzione donna.

Partiamo dal comunicato rilasciato nella mattina di ieri: sembra che gli ultimi rumors mettano in dubbio il destino di molte lavoratrici, quali sono i rischi concreti sulla vicenda e qual è la sua posizione al riguardo?

I “rumors” dicono che secondo il Governo per come è scritta la legge sul “contatore” i residui di “opzione donna” potranno non essere utilizzati in forma esclusiva per la prosecuzione della sperimentazione.

Il che fa presumere l’intenzione del Governo di usarli per interventi con finalità analoghe. Il rischio concreto quindi è che al quarto trimestre 57/58non venga riconosciuto il loro legittimo diritto e per tutte le donne nate dal 1959 in poi l’opzione donna non sarà più perseguibile.Ancora una volta le norme volutamente scritte dai tecnici dei ministeri, tanto lo è stato per il contatore come per il fondo esodati, vengono sistematicamente da loro smentite sempre a danno dei cittadini.

Ed in merito alle recenti dichiarazioni del Sottosegretario Nannicini sui tentativi del Governo di “allargare la finestra dell’opzione donna”, qual è la sua opinione?

Che il Governo fa il gioco delle tre carte in chiave prettamente elettorale.

Un Governo serio invece dovrebbe essere più realista e non prospettare facili promesse. Le somme a copertura della “partita Pensioni in legge di stabilità sono troppo esigue per poter soddisfare tutte le fattispecie da loro indicate. Per “opzione donna” i soldi li possono trovare nel contatore, ma se questi verranno utilizzati per altro è chiara l’Impossibilità di allargare la finestra come dichiarato da Nannicini.

Infine per quanto concerne le lavoratrici appartenenti all’ultimo trimestre del ‘57/’58, quale prospettiva si profila in relazione a quanto emerso finora sulla Manovra 2017?

Per ora la salvaguardia del quarto trimestre non è inclusa negli annunci del Governo riguardo la Manovra. Certamente vi saranno miei emendamenti in merito.

Sarà interessante vedere come la maggioranza li voterà, visto che questa è stata una loro promessa finora candidamente non mantenuta.

Ringraziamo l'On. Simonetti per la sua cortese disponibilità e restiamo a disposizione dei lettori nel caso desiderino condividere la loro opinione tramite i commenti del sito, mentre per ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordiamo di usare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.