Torniamo ad aggiornare le lettrici della nostra rubrica "Parola ai Comitati" in merito alle discussioni parlamentari in corso presso la Commissione bilancio. L'attenzione è focalizzata sugli emendamenti correttivi alla Manovra 2017, attraverso i quali si verificherà la possibilità di aprire le porte dell'Inps anche per le donne appartenenti all'ultimo trimestre 1957/58, oltre che a facilitare il raggiungimento dei requisiti di pensionamento tramite il cumulo gratuito. L'ultima sessione dei lavori della V Commissione bilancio si è chiusa nella serata di ieri, così come riporta la co-fondatrice del Comitato OD Orietta Armiliato, facendo il punto della situazione.

"L'emendamento della Commissione lavoro è stato accantonato per sopraggiunta comunicazione da parte del Governo della presentazione di un suo emendamento sulla materia" ha evidenziato la rappresentante delle lavoratrici, spiegando che "il termine per la presentazione degli emendamenti da parte del Governo era previsto per oggi 21 Novembre alle h 13:00. I lavori riprenderanno domani".

Manovra 2017 e opzione donna, le novità in arrivo dal Governo

Nel frattempo arrivano segnali importanti anche dal Governo. Sempre nella serata di ieri il Vice Ministro Enrico Morando è intervenuto al TG1, esprimendo il proprio supporto in favore delle lavoratrici dell'ultimo trimestre. "Siamo disponibili all'estensione dell'opzione donna" ha spiegato Morando, riferendosi alla discussione in corso.

Sulla dichiarazione è poi intervenuto anche il Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano, che ha accolto con soddisfazione i commenti in arrivo dall'esecutivo. "L'annuncio del Viceministro Morando sulla disponibilità del Governo a modifiche su opzione donna ed esodati va nella direzione giusta" ha affermato il Parlamentare, ribadendo che le misure sono state "sostenute con forza in questi mesi", traducendo gli emendamenti nella legge di bilancio.

Pensioni anticipate OD, gli emendamenti in discussione

Come anticipato all'inizio dell'articolo, sono due gli emendamenti in discussione. "Per opzione donna dobbiamo includere nella normativa anche le lavoratrici che compiono 57 o 58 anni nell'ultimo trimestre del 2015 e proseguire nella sperimentazione attraverso il monitoraggio dei risparmi" ha spiegato il Presidente della Commissione lavoro alla Camera, mentre sul cumulo si tratta di rendere possibile il ricorso ai versamenti effettuati dalle lavoratrici in diversi fondi Inps, tra cui la nota gestione separata (che non prevede la possibilità di ricorrere alla ricongiunzione dei versamenti).

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordiamo di usare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo del nostro nuovo articolo.