Continua anche oggi 16 novembre 2016 il dibattito sulle pensioni anticipate 2017, sull'APE e sulle misure per i lavoratori precoci, vediamo quali sono le ultime novità dalle parole di due esponenti importanti come Cesare Damiano e il ministro Poletti. Damiano ha parlato nel corso della trasmissione Mi Manda Rai 3, mentre il Ministro Poletti è intervenuto ieri sera nella parte finale della trasmissione DiMartedì, in onda su La7. Ecco i passaggi fondamentali delle due interviste.

Pensioni precoci, ultime notizie oggi 16 novembre parla Damiano

Tra gli emendamenti presentati sulle Pensioni nella legge di bilancio, è importante ricordare che la commissione lavoro che ha come presidente Cesare Damiano ha chiesto l'aumento della platea dei quota 41 tramite l'estensione dei mestieri considerati usuranti con l'aggiunta di altre 8 categorie oltre alle 11 già introdotte.

Inoltre è stato chiesto l'abbassamento dai 36 ai 35 anni di contributi come requisito per poter accedere alla quota 41 dei precoci senza penalizzazioni. Damiano ha poi ricordato a Mi Manda Rai 3 che l'APE volontaria è pensata per chi vuole anticipare la pensione, ma non ha problemi economici, mentre l'APE Social è rivolta ha chi ha difficoltà o ha svolto lavori particolarmente pesanti e gravosi. Damiano ha spiegato che questa soluzione è frutto di una lunga trattativa tra Governo e Sindacati e va difesa. Infine ha ricordato che grazie agli emendamenti proposti "Ci sono dei miglioramenti da fare" ma che è "Molto difficile a causa delle risorse".

Poletti e Ultime novità Pensioni precoci e anticipate 2017

Come anticipato le ultime novità sulle pensioni ci giungono anche dal Ministro Poletti che ha parlato ieri sera durante la trasmissione DiMartedì. Il Ministro del lavoro ha spiegato riferendosi all'APE che "Entro 30 giorni si potrà cambiare idea, come per tutti i contratti privati.

Considerando tutte le tipologie di intervento, abbiamo calcolato che potranno utilizzarle circa 100mila persone all'anno". Secondo Poletti l'APE sarà molto utilizzata perchè "Per le aziende non è conveniente pagare la Fornero anziché l’anticipo pensionistico". Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra nei commenti qui sotto e se volete esser aggiornati con tutte le ultime sulle pensioni anticipate lasciate un follow!