Il Ministero della Giustizia con il nuovo decreto del 7 dicembre 2016 ha annunciato l’assunzione di ulteriori 200 assistenti amministrativi (personale non dirigenziale) nell’amministrazione giudiziaria.

Tale concorso avverrà tramite lo scorrimento di graduatorie di altre amministrazioni, quindi non si tratta di un concorso aperto all’esterno.

Questi posti vanno a sopperire alle gravi carenze degli uffici giudiziari e si aggiungono agli 800 posti per assistente giudiziario già banditi nel concorso (aperto a tutti) il cui termine di scadenza delle domande, ricordiamo, è stato fissato al 22 dicembre.

La suddivisione dei posti

Per quanto riguarda le posizioni aperte i 200 posti sono così suddivisi:

  • 115 posti per il profilo di assistente giudiziario;
  • 55 posti per il profilo di funzionario informativo;
  • 30 posti per il profilo di funzionario contabile.

Le sedi degli uffici sono indicate nell’allegato al decreto stesso.

Modalità di assunzione: lo scorrimento delle graduatorie

Il decreto del 7 dicembre indica quali sono le graduatorie valide per la copertura dei complessivi 200 posti (suddivisi come già detto tra assistente giudiziario e funzionario). Saranno pertanto le stesse amministrazioni interessate dal decreto ad essere destinatarie della richiesta di scorrimento delle graduatorie, indicando anche il termine entro cui richiedere l’assenso.

Bando assunzione 800 assistenti giudiziari: la guida per la domanda

Restano ancora aperte fino al 22 dicembre le domande per partecipare al concorso per 800 assistenti giudiziari (aperto a tutti i diplomati).

La domanda va presentata previo registrazione al sito del Ministero della Giustizia (sez. concorsi). Per la registrazione occorre inserire il proprio codice fiscale ed un indirizzo email.

Dopo esserci registrati sul sito si riceverà una prima email nella quale sarà contenuto un link di conferma dell’account creato. Cliccando sul link si accederà alla pagina ove bisognerà scegliere una password che contenga 8 caratteri, di cui 1 lettera maiuscola, 1 lettera minuscola, 1 numero e uno dei seguenti caratteri speciali ( @ – # – $ ?..).

Terminata la compilazione online, il sistema creerà un file in pdf (la domanda vera e propria) che bisogna stampare e sottoscrivere per poi essere scansionata in unico file PDF (di più pagine ovviamente) unitamente alla carta d’identità (fronte e retro), il tutto in bianco e nero.

Dopo aver caricato il documento (upload) il sistema genera una ricevuta in pdf che andrà scaricata e stampata in quanto dovrà essere esibita il giorno del concorso unitamente alla carta d’identità.

Il diario delle prove preselettive e di quelle scritte sarà pubblicato il 14 febbraio 2017 nella Gazzetta Ufficiale, IV serie speciale reperibile dal sito giustizia.it. Per restare aggiornato sui concorsi e sulle novità di diritto ed economia clicca il tasto segui accanto al nome.